Homepage   |    Contatti   |    Sitemap  




Chi siamo Biomedico Neurosviluppo ABA Scuola Newsletter Esperienze Notizie il Nostro Movimento

Homepage
Stampa E-mail

"Mi chiamo Michael Augerson e sono autistico. Fondamentalmente quando si è autistici si sente il bisogno di fare le cose che realmente è necessario fare. Non ci si può fermare. Come se avessi preso una droga. Non si ha idea di cosa gli altri stiano parlando perchè per voi non ha alcun senso. Gli altri pensano che siete strani, bizzarri o ritardati.

"Io sono stato capace di trovare un modo per cambiare. Alcuni medici sono riusciti a trovare i problemi e a correggerli. Ho fatto una dieta speciale, ho preso un sacco di vitamine, ho evitato alcune sostanze chimiche e ho preso dei farmaci per il mio colon e un antifungale. Per me è stato come diventare un uomo nuovo (o dovrei dire un ragazzo!). Ho ora la capacità di controllarmi. Posso comprendere la trama di un libro e di un film. Posso avere degli amici senza che mi deridano. Sono anche cambiato fisicamente: un anno fa ero più basso di mio fratello che è tre anni più piccolo. Ora sono alto quanto mia madre. Mi sento come rinato. Per la prima volta in 14 anni mi sento normale. Gli altri non mi vedono ancora normale. Mi piacerebbe che mi trattassero come uno di loro.

"Ho ancora qualche problema e desidero fare presto altri test per trovare le risposte. Penso che un giorno riuscirò a non essere più autistico. Sarebbe un sogno che diventa realtà per me e per la mia famiglia" (Scritto da Michael, 14 anni, nel Giugno 2004. Michael, ai cui genitori era stato detto che avrebbero dovuto metterlo in istituto, è stato curato con trattamenti biomedici ed è stato inserito in una scuola normale dove è stato uno studente tra i migliori)

Quando a Michael fu diagnosticato un autismo grave da un neurologo a 3 anni, non riconosceva neppure sua madre, era fortemente aggressivo, autolesionista e dormiva raramente. "Tornando indietro con la memoria, nel 1989 nessuno sapeva cosa fosse l'autismo, ancora meno come curarlo" spiega Sara, la mamma di Michael.
A Sara era stato detto che mangiare due o tre scatolette di tonno al giorno durante la gravidanza era possibile e sicuro. In questi giorni, centinaia di famiglie stanno scoprendo con successo i trattamenti biomedici per l'autismo e le scatolette di tonno invece portano ora un'etichetta che avverte le donne incinte di non mangiarlo per la possibile contaminazione col mercurio.

Gli Augersons sono una delle centinaia di famiglie che hanno scoperto questi trattamenti di successo attraverso i loro sforzi pionieristici e attraverso il protocollo Defeat Autism Now! (DAN!) formulato dall' Autism Research Institute, un istituto no-profit di San Diego, centro mondiale per la ricerca e l'informazione, che si è occupato di seguire i trattamenti promettenti per l'autismo sin dal 1967. Il database dell'ARI è il più ampio del mondo con più di 37.000 casi dettagliati di storie di bambini autistici di più di 60 paesi.

Nel 1964, quando il fondatore dell' ARI, Bernard Rimland, PhD, pubblicò il suo innovativo libro "Infantile Autism: The Syndrome and its Implications for a Neural Theory of Behavior", il credo medico corrente era che l'autismo fosse causato da una mamma non amorevole, chiamata "madre frigorifero" e il trattamento appropriato per l'autismo era "che la mamma riconoscesse la sua colpa e scoprisse perchè odiava il suo bambino e desiderava che non fosse mai nato"

"Al bambino, in una cosiddetta `play therapy', veniva data una foto o una statuetta di creta raffigurante una donna (sua madre) ed era incoraggiato a farla a pezzi, esprimendo così la sua ostilità verso la madre, che secondo lo psicoterapeuta aveva causato l'autismo.
C'era anche qualche farmaco che veniva usato con i bambini autistici, ma allora, come oggi, l'idea non era curare l'autismo, ma tenere i bambini abbastanza calmi per rendere la vita tollerabile a chi doveva convivere con loro".
Il rivoluzionario libro di Rimland sull'autismo, ispirato dalla nascita di suo figlio Mark, autistico, nel 1965, espose la mancanza assoluta di evidenza scientifica che supportasse le "cattive madri" come causa di autismo e vinse il Century Award per il 1964, attraendo l'attenzione di genitori di tutto il mondo che contattarono Rimland e condivisero con lui i successi dei trattamenti che stavano usando con i loro bambini autistici.
Accusate e offese dal modello medico del momento di essere responsabili delle sofferenze dei loro figli, le madri dei bambini autistici furono lasciate senza nessuna guida oltre il loro intuito per scoprire i "trattamenti". Ed ebbero successo.

"Le madri dei bambini autistici erano estremamente brave nell'identificare i trattamenti che erano utili ai loro figli. Erano anche molto attente nell'osservare e individuare fattori che potevano far stare peggio i bambini...Era davvero evidente che c'era stato un numero di trattamenti in gran parte scoperti dai genitori di bambini autistici che erano molto più efficaci dei farmaci che venivano usati dagli psichiatri e certamente erano molto più innocui e sicuri" scrive Rimland.
Fu così che decise di fondare l'Autism Society of America nel 1965 e fu uno dei primi sostenitori dell'intervento comportamentale conosciuto come ABA.

Dagli anni 60 ad oggi secondo l'Autism Alert pubblicato dall' US Department of Health & Human Services (HHS), the Centers for Disease Control (CDC) e l' American Academy of Pediatrics nel Febbraio 2004, l'autismo è esploso, passando da 1 caso ogni 10.000 nati ad 1 ogni 166, mentre ad 1 bambino ogni 6 è diagnosticato un disordine dello sviluppo.
L'autismo è una "condizione", spesso caratterizzata da difficoltà nella connessione, mancanza di interazione sociale, evitamento del contatto oculare, difficoltà nello sviluppo del linguaggio e comportamenti ripetitivi, conosciuti come autostimolazioni.
Forme moderate di autismo sono la Sindrome di Asperger, PDD (Pervasive Developmental Disorder) e ADD/ADHD (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder.) Nel complesso questi disordini sono chiamati Autism Spectrum Disorder (ASD).

Sara Augerson è stata la madre che ha scoperto che un cambiamento nella dieta, trattamenti per le infezioni fungali e parassiti stavano portando per suo figlio a lenta, ma progressiva guarigione dai gravi sintomi autistici. "Fu un vero colpo di fortuna avuto a Singapore - quando tutta la nostra intera famiglia fu curata per una parassita - che ci permise di scoprire che questa medicina stava aiutando l'autismo di Michael. Dopo poche ore da questo farmaco migliorò enormemente. Posso ora dire semplicemente guardandolo se ha un altro parassita"

Sara ritiene che i traguardi verso la guarigione di suo figlio negli anni siamo stati una sorta di Catch-22. "La gente non crede che questi bambini possano migliorare. Quando Michael cominciò a farlo, la gente diceva che allora non era mai stato autistico. E' stato davvero difficile farci ascoltare da qualcuno. Non c'era alcuna metodologia da seguire. Eravamo in costante crisi anche solo per seguire un programma."

Rispondendo al bisogno di un protocollo che guidasse genitori e medici attraverso il numero vario e crescente dei trattamenti che avevano successo per i bambini autistici, l'ARI riunì nel 1995 la sua prima Conferenza Defeat Autism Now!.
Durante questo think tank 30 importanti medici e scienziati, sette dei quali erano genitori di bambini autistici, identificarono trattamenti sicuri per la salute con credibile evidenza di efficacia. "Una volta che questi trattamenti efficaci sono individuati, viene fatto un tentativo per trovare perchè funzionano, in modo che la loro efficacia possa essere migliorata", dice Rimland.

Il nome del movimento e del suo protocollo, Defeat Autism Now! (DAN!) è stato scelto in risposta "all'indifferenza e mancanza di urgenza che erano caratteristica del National Institutes of Health e delle Università, dove la ricerca sui trattamenti per l'autismo era praticamente inesistente, eccetto per le prove sperimentali di vari farmaci formulati per l'uso negli adulti" ha testimoniato Rimland alla Sottocommissione per i diritti umani del Governo degli Stati Uniti nel Novembre 2003.

L'argomento del DAN! è che esistono nell'autismo problemi nutrizionali, metabolici ed immunologici che realmente ne sono parte centrale e che la risoluzione o il miglioramento di questi problemi è un prerequisito per il successo con altre terapie come l'integrazione sensoriale, la logopedia, la modificazione comportamentale e scuole speciali. Il DAN! crede che l'epidemia di autismo abbia cause ambientali che portino bambini con vulnerabilità biochimica e immunologica, probabilmente di natura genetica, a sviluppare la malattia.
"L'esperienza degli scienziati e dei medici con il movimento DAN! ha condotto al paradosso che mentre l'epidemia nasce da cause comuni, il trattamento dei bambini deve tenere conto della loro individualità. Desideriamo condividere con eminenti scienziati, clinici e familiari le osservazioni e i dati che possano aiutare la nostra comunità a prendersi le responsabilità che una epidemia esige: una capacità di risposte che siano d'aiuto per dare informazioni dalla diretta esperienza con la situazione," scrivono in un documento post-Conferenza Rimland e i cofondatori del DAN! M. Baker, MD e John Pangborn, PhD.

Michael, che non soffre più di allergie alimentari e a sostanze chimiche, continua a lavorare con il "DAN! doctor" Elizabeth Mumper, MD, un Professore Associato della Clinical Pediatrics and Family Medicine dell' Università della Virginia.
"I problemi di Michael sembrano per lo più collegati a problemi allergologici ed immunologici con i maggiori risultati raggiunti dopo essere stato curato dalla candida," ha detto la Mumper. "Il secondo giorno dopo il suo primo trattamento con lo Sporanox, ha cominciato a parlare. Le sue maestre hanno dovuto rivedere ogni tre mesi i suoi programmi a causa dei suoi progressi così veloci. Sta bene quando trattato cronicamente con anti-fungali."

Diversamente da Sara Augerson, il cui figlio Michael era nato autistico e quindi nel raro caso di Autismo Classico (l'incidenza dei bambini che nascono autistici è 1 su 10.000), Carolyn Yount ha visto suo figlio Chandler, che oggi ha 4 anni, peggiorare lentamente dopo ogni ciclo di vaccinazione che faceva. Chandler è uno dei più comuni casi di Autismo Regressivo. "A due mesi ebbe le prime vaccinazioni e cominciò a soffrire di problemi allo stomaco. A 4 mesi fece un altro ciclo e cominciò a peggiorare: piegava le gambe e se le stringeva al petto e piangeva costantemente.
"Adesso se mi guardo indietro capisco che lo stomaco di mio figlio era sconvolto dal thimerosal. Quando abbiamo interrotto la dieta classica con latte e abbiamo introdotto la soia abbiamo notato un notevole miglioramento, ma aveva ancora problemi di stomaco. Nessuno dei pediatri che abbiamo incontrato ha mai capito cosa gli stava succedendo. Poi all'età di 12 mesi è stato vaccinato contro rosolia, parotite e morbillo e immediatamente ha avuto eruzioni cutanee e pianto ininterrotto per due giorni. A 20 mesi è stato diagnosticato come autistico da un neurologo."
Il thimerosal è un derivato del mercurio usato come conservante nei vaccini infantili.

La Yount e la sua famiglia fecero un viaggio in automobile di 10 ore dall'Alabama fino alla Virginia per incontrare la Dottoressa Mumper nel Luglio 2002. " Mi disse che era un piccolo bambino malato e per la prima volta realizzai tutto: era un bambino pallido come un fantasma, con orrende occhiaie nere e questo addome gonfio...; scoppiai a piangere perché non riuscivo a credere che questo stesse accadendo proprio davanti ai miei occhi e non ero riuscita a capirlo, " dice la Yount.

La Mumper, usando le tecniche del protocollo DAN!, iniziò la chelazione, che serve per far uscire i metalli tossici che aveva Chandler. La tossicità indotta da metalli pesanti è comune nei bambini autistici e si pensa che sia attribuibile a una incapacità genetica dei bambini di espellere i metalli provenienti da tante fonti inquinanti come amalgame dentarie al mercurio, emissioni inquinanti da parte di aziende, pesci di mare come il tonno e i vaccini dell' infanzia. La Mumper enfatizza il fatto che sia preferibile forzare l'organismo a detossificarsi da solo e preparare l'intestino per la detossificazione sia obbligatorio.

La Yount avvisa i genitori che la dieta Dan! può essere "molto dura per gente che usa mangiare fuori." Ci sono voluti 10 mesi per capire veramente come funziona la dieta, ma ora il suo pancino non è più gonfio, gli intestini sono normali e dorme. Prende i supplementi due o tre volte al giorno, così come punture di B12 due volte a settimana. Entro due settimane dall'inizio della chelazione ha cominciato ad usare il vasino. Finora abbiamo avuto 11 cicli di chelazione in tre mesi e finalmente lui mi parla. Abbiamo cambiato in ogni aspetto ciò che eravamo prima. Ora tutto ciò che mangiamo è biologico e abbiamo un sistema di filtraggio dell'acqua in casa, lenzuola biologiche, materassi, pavimenti in legno duro. Ora il pensiero di tutto ciò che facevamo ci sconvolge. Non ci eravamo resi conto di quanto sia tossico il nostro mondo" ha detto Yount

I trattamenti biomedici raccomandati dal Dan! hanno avuto talmente tanto successo che 700 famiglie che hanno seguito le sue linee guida e documentato i progressi dalla diagnosi alla guarigione hanno prodotto le loro storie mediche, video e interviste personali disponibili su emittenti attraverso una campagna "l'autismo è trattabile" programmata per l'ottobre 2004. Conferenze Dan! hanno luogo due volte l'anno nel paese (Stati Uniti) per informare genitori e professionisti e presentare le ricerche scientifiche più attuali e le conclusioni di ricercatori, clinici, e naturalmente di genitori pionieri.

Dal momento che il protocollo Dan! pone l'accento sul rifiuto di trattamenti "fatti con lo stampino", i suoi scienziati hanno identificato "sottogruppi" di bambini autistici che possono aiutare genitori e professionisti a fare domande come "questo bambino è essenzialmente tossico, infettato da virus, o è soprattutto un bambino con disordini intestinali?
A questo punto quale ruolo ha avuto la genetica?" Secondo Jaquelyn McCandless, MD, autrice di "Children with Starving Brains: A Medical Treatment Guide for Autism Spectrum Disorder", "La maggior parte dei bambini sono la combinazione di tutte queste cose e anche di altre".
La McCandless, psichiatra e neurologo, cominciò la ricerca sui trattamenti sull'autismo dopo che la sua nipotina fu diagnosticata nel 1996. Ha scritto il suo libro con la speranza di aiutare i genitori a informarsi e per dare loro la forza di agire subito per i loro figli. Sebbene centinaia di medici in tutto il paese si siano specializzati nel protocollo DAN!, le loro liste d'attesa sono lunghe.
La McCandless sa che trovare medici che sappiano lavorare coi genitori è uno dei maggiori ostacoli al trattamento e alla guarigione dei bambini autistici. Ma, come la McCandless puntualizza nel suo libro e come sarà mostrato dando un'occhiata al programma della conferenza Dan!, l'epidemia dell'autismo sta toccando le vite di molte persone, inclusi medici e scienziati che, come genitori e parenti di bambini autistici, hanno combinato il potere della loro esperienza, l'intuizione e la loro formazione professionale in perspicaci strumenti per trattamenti all'avanguardia per i propri cari afflitti.

"Come nonna e come psichiatra, la mia passione nel cercare risposte mi resero impaziente nei confronti della psichiatria e dell'atteggiamento da testa sotto la sabbia che vede l'autismo invariabilmente genetico e quindi incurabile e intrattabile se si escludono interventi precoci e l'uso di sostanze per il controllo del comportamento, cioè psicofarmaci" scrive la McCandless."Non a caso ho precisato che molti dei medici e ricercatori che ricercano "nuovi" approcci sono genitori o nonni di bambini con autismo e non proverebbero questi nuovi metodi sui loro parenti se non pensassero che sono sicuri e efficaci."

Ostacoli all'accessibilità

Poiché la storia mostra enormi e consistenti prove che la scienza medica impiega decine di anni per rimettersi in pari con i pionieristici ricercatori dell'ARI ei professionisti del protocollo DAN!, non è una sorpresa per i genitori che la Food and Drug Administration sul suo sito web sentenzi che i loro figli sono incurabili e che i genitori che credono diversamente sono "disperati e facili bersagli per terapie non sperimentate e prodotti fregatura"

"Il progresso nell'accettazione di utili interventi medici è dolorosamente lento - non è raro che un trattamento sicuro e efficace sia reso ufficialmente disponibile solo dopo decenni. Un esempio recente è l'uso di piccole dosi di acido folico, una forma molto sicura di vitamina B, come mezzo per prevenire gravi danni neonatali. Si stima che più di 25.000 casi di ritardo mentale si sarebbero potuti evitare negli Stati Uniti se l'uso diffuso di acido folico fosse stato consigliato quando la scoperta fu annunciata" dice Rimland.

In una lettera aperta all'allora commissario della Food and Drug Administration Mark McClelland, l'ARI ha chiesto che l'agenzia del governo riveda le sue affermazioni "grossolanamente esagerate e ingiustificabilmente pessimistiche" pubblicate prima dell'emissione delle loro linee guida, e di astenersi dal rafforzare le politiche conseguenti a queste affermazioni "fino a quando noi e i nostri colleghi, così come altri esponenti dell'opinione pubblica, si abbia l'opportunità di rendere pubbliche le informazioni che fino ad ora la vostra agenzia ha ignorato".

La responsabile delle relazioni esterne della FDA Susan Kruzan ha puntualizzato che "non esistono trattamenti di nessun tipo per l'autismo approvati dalla FDA". Neanche le terapie farmacologiche Ritalin e Risperdal, che sono comunemente usate. All'interno di una inchiesta iniziale del Congresso sull'epidemia di autismo, sono state rese testimonianze di fronte a Dan Burton, Capo della U.S. House Government Reform Subcommittee on Human Rights & Wellness. Il comitato del Congresso ha ascoltato da Rimland dei successi del DAN! e da altri esperti sui nuovi trattamenti che stanno efficacemente migliorando le condizioni mediche dei bambini e adulti autistici.

"La storia ci insegna che condizioni così debilitanti come l'autismo non scompaiono tanto semplicemente, " afferma il presidente Burton, che è il nonno di un bambino autistico.
"E' incoraggiante che molti miei colleghi del Congresso degli Stati Uniti, così come altri operatori medici, stanno finalmente cominciando a rendersi conto di questo, stanno cominciando a prestare la dovuta attenzione e le dovute risorse, e in ultima analisi curare l'autismo."

Rashid Buttar, DO, che è uno dei 190 dottori specializzati negli USA in tossicologia indotta da metalli, ha testimoniato davanti al comitato del Congresso il 6 Maggio 2004 che ha smesso di consultare specialisti in neurologia pediatrica per i bambini autistici, perchè "la componente emotiva era troppo elevata, avendo a che fare con il dolore e la frustrazione dei genitori di questi bambini."

Poi il 25 Gennaio 1999, nacque il figlio di Buttar, Abid Azam e Rashid divenne uno di quei genitori pieni di frustrazione che vedeva il proprio figlio scomparire dentro l'abisso dell'autismo regressivo. "Gli oceani di lacrime e le ore spese a cercare di capire quello che stava succedendo sono le stesse di quelle di altri genitori nella stessa condizione, solo che io ero uno dei 190 dottori specializzati negli USA in tossicologia indotta da metalli... quando mio figlio mi avrebbe guardato i suoi occhi avrebbero detto "so che ce la puoi fare papà". L'emozione che mi avrebbe trasmesso, anche solo per un attimo, sarebbe stata quella di un padre che incoraggia il proprio figlio. Pensavo che se tutto ciò era legato ai metalli, avrei dovuto essere capace di risolvere il problema.

I trattamenti pionieristici di Buttar hanno condotto la Hyperbaric Medical Association e l' American Board of Clinical Metal Toxicology a collaborare sotto la supervisione della Oklahoma University Health Autism is Treatable Sciences per lo studio di una soluzione a base di DMPS / Glutathione in crema che Buttar aveva sviluppato. Buttar fu invitato a presentare il suo metodo al secondo think-tank sulla detossificazione da mercurio nella primavera del 2004 (la prima si era tenuta nel Febbraio 2001).

"E' noto da tempo che il DMPS è la via più efficace per chelare il mercurio, ma richiedeva la somministrazione per endovena, il che lo rendeva estremamente poco pratico per somministrarlo molte volte a bambini autistici. Il protocollo Buttar ha trovato la soluzione dell'applicazione transdermale all'interno delle braccia, e questo si può fare per mesi," spiega il collega di Buttar, Kenneth Stoller assistente di Pediatria all'Università del New Mexico e direttore della scuola di Medicina del centro di medicina iperbarica del New Mexico.

"C'è una fetta di popolazione che non riesce a espellere certi metalli pesanti dal proprio corpo e nel caso del mercurio questo causa gravi problemi al cervello. Se avete fatto un esame del capello o delle urine a questi bambini, non trovate mercurio (perchè non lo espellono) fino a quando non somministrate il DMPS. Una volta che si comincia il protocollo, il mercurio finalmente comincia a muoversi e lo trovate nei capelli e nelle urine. Una volta che il mercurio è uscito, il bambino comincia a migliorare.

"Usare una combinazione di ossigenoterapia iperbarica, che aiuta i neuroni atrofizzati dal mercurio a riattivarsi, con il DMPS transdermale, sembra essere il miglior modo di curare questi bambini. Questa fetta di popolazione è come il famoso "canarino dei minatori", dice Stoller.

"Quando 31 bambini guariscono da una malattia così devastante con un semplice trattamento transdermale che detossifica dai metalli, allora la logica dovrebbe suggerire che forse i metalli c'entrano in qualche modo" afferma il Dottor Bob Nash, presidente della American Board of Clinical Metal Toxicology (ABCMT), a proposito del protocollo Buttar
Poi aggiunge," Il Congresso deve creare una task force su scala nazionale per trovare fondi per questo problema. Questa task force potrebbe essere anche una risorsa per il Congresso e anche porre in essere una capacità di intervento rapido che attualmente non esiste per trattare problemi sanitari. Non possiamo continuare a distrurre la salute dei nostri figli neanche come conseguenza di una ben riposta intenzione. Dobbiamo agire oggi, non fra 5 anni."

Il governo degli Stati Uniti ha finalmente cominciato a comprendere le attuali e future implicazione sulla salute pubblica dell'epidemia di autismo e ha creato l'IACC (Interagency Autism Coordinating Committee). Inoltre, le agenzie sanitarie hanno iniziato a destinare fondi su progetti di ricerca legati all'autismo, così come hanno iniziato ad addestrare personale su tutto il paese per fronteggiare la sempre maggior incidenza di disordini dello sviluppo all'interno della popolazione studentesca.

 

Il costo dell'inerzia, dell'azione e dell'alternativa ?

Intraprendere delle cure alternative può significare spese pazzesche per i genitori. "Spendiamo 36 dollari per ogni ciclo di chelazione ogni due settimane. Spendiamo 250 dollari al mese di supplementi. Queste spese non sono coperte dall'assicurazione. Facciamo un esame urine di controllo dopo ogni ciclo di chelazione, costa 110 dollari ed è coperto dall'assicurazione. Spendiamo 100 dollari a settimana per i terapisti che lavorano a casa. Altri farmaci per nostro figlio costano 75 dollari al mese, parzialmente coperti dall'assicurazione. Ovviamente tutto il cibo biologico e senza glutine / caseina che mangiamo costa più del cibo normale. Dobbiamo fare così per evitare gli anticrittogamici. Logopedia e terapia occupazionale sono fornite dalla scuola locale," dice Carolyn Yount.

In una testimonianza resa al Congresso degli Stati Uniti nel Giugno 2002, il Dottor Jeff Bradstreet, fondatore del International Development Resource Center e padre di un bambino autistico, ha affermato, "sebbene nessuno si sia preso la briga di andare a indagare con precisione i costi dell'intervento teso a curare i problemi biologici legati all'autismo, esiste almeno uno studio inglese che stima il costo per mantenere un individuo autistico per tutta la vita intorno ai 3 / 4 milioni di dollari, con un costo esteso alla società stimabile in tre volte il costo per l'individuo. Il costo per l'educazione, cure mediche, terapie per curare i sintomi fisici e comportamentali è sconvolgente. Molte delle nostre famiglie ci dicono di pagare 50.000 dollari l'anno per il loro figlio. The Individuals with Disabilities Education Act (IDEA) parla di 35.000 dollari l'anno per l'educazione di un bambino con autismo.

"La gran parte di questo peso economico è già sopportato da programmi statali e federali per bambini disabili. Le spese per l'assistenza di un autistico possono superare i 100.000 dollari l'anno. Il sistema scolastico pubblico è letteralmente inondato di questi bambini. Qualsiasi inchiesta sugli educatori pubblici rivelerà immediatamente l'impellenza e l'ampiezza del problema autismo. Mancano terapisti e educatori specializzati a trattare questo problema, e così bambini con gravi problemi ricevono interventi efficaci solo sulla carta. La futura perdita potenziale legata ai bambini autistici che in futuro non saranno in grado di provvedere a se stessi è impossibile da calcolare. Molti genitori sono costretti a lasciare il lavoro per accudire i loro figli. Noi come nazione stiamo già pagando e continueremo a pagare un prezzo enorme per questa epidemia.

L' International Child Development Resource Center stima il costo minimo al valore attuale per gli attuali 420.000 bambini autistici a 1.260.000.000.000 dollari ( 1260 miliardi di dollari). Quindi entro i prossimi 50 anni poco più (se 260 miliardi vi sembrano pochi !) di 1000 miliardi di dollari saranno necessari, ipotizzando che da adesso in poi non cresca il numero dei casi. Ma poiché l'autismo raddoppia ogni 4 anni, questa è solo una stima troppo conservativa. Il costo per la società diverrà facilmente 3 o 4 mila miliardi di dollari.

Attualmente Stoller e Buttar hanno incontrato il US Department of Human Health and Services per discutere i rimborsi Medicare sui trattamenti di provata efficacia. "Siamo pronti a una petizione per Medicaid (NdT programma di sanità pubblica USA per chi non si può permettere cure private) con tutta la letteratura scientifica, per rimborsare alcuni trattamenti su una lista, di modo che i programmi statali la smetteranno di dire ai genitori che non si può fare nulla.
E' vero che esiste l' Early Periodic Screening, Diagnosis, and Treatment (EPSDT) Program che afferma che lo stato deve rimborsare ogni terapia che sia correttiva o migliorativa, ma questa è solo il testo della legge e nessuno la rispetta a meno che un giudice lo obblighi a farlo, " dice Stoller.

Perché scegliere trattamenti biomedici alternativi ?

Nel suo libro Children with Starving Brains, la McCandless invita i genitori a immaginare la scelta tra i trattamenti alternativi o la mancanza di trattamenti convenzionali, come se stessero su un molo mentre guardano il loro figlio che affoga sotto di loro.

"Stai disperatamente cercando un aiuto (un medico o una cura che possa funzionare). Trovi una corda legata al molo (diete particolari, supplementi nutrizionali, trattamenti antifungali o antivirali, secretina, chelazione per tossicità indotta da metalli pesanti - tutte cure sicure e che aiutano molti di questi bambini). Nonostante ciò, le autorità ti avvertono di non usarle perché non c'è la prova che la corda sia abbastanza robusta (l'opzione per questi trattamenti non ha ricevuto l'approvazione finale delle "autorità" che stanno aspettando i risultati di studi scientifici pubblicati su riviste specializzate soggette a revisione). Nel frattempo tuo figlio sta continuando ad affogare (mentre mostra i sintomi dell'autismo).

Se voi foste quel genitore sul molo non aspettereste la pubblicazione di studi clinici in doppio cieco per assicurasi che quella corda è abbastanza robusta. La prendereste e la lancereste a vostro figlio. La cosa peggiore che possa capitare è che la corda si rompa quando vostro figlio è gia vicino al molo! In realtà, molti genitori, alcuni dei quali sono dei medici, hanno visto che rimuovere i metalli tossici è un trattamento efficace per i loro figli. I genitori di bambini autistici non possono permettersi di aspettare l'approvazione delle agenzie sanitarie pubbliche che devono salvaguardare la salute dei nostri figli, specialmente quando gli "esperti" non hanno niente di meglio da offrire in cambio. Questo è particolarmente vero quando i genitori capiscono che proprio le raccomandazioni delle agenzie di sanità pubblica che loro hanno diligentemente seguito potrebbero essere la cusa dell'autismo dei loro figli, come ad esempio accettare l'obbligo di vaccinare il loro figlio appena nato contro l'epatite B in presenza di livelli dannosi di Ethylmercurio.

"Per la prima volta in vita sua mio figlio ci sta dicendo che ci vuole bene quanto noi ne vogliamo a lui. In un bambino autistico lasciato senza cure questo non sarebbe possibile ascoltarlo, " dice Carolyn Yount a proposito di suo figlio Chandler che è in via di guarigione. " I pediatri che dicono ai genitori che non c'è niente da fare sbagliano. C'è tanto da fare."

 

Traduzione di fromitaly@emergenzautismo.org 

 
< Prec.   Pros. >
 
Entra nel nostro

FORUM

parla con i genitori
La risposta dei genitori di EA
Autismo, inefficaci gli
interventi dietetici? 



Invia la tua testimonianza!
 
Iscriviti alla NWL di EA


Tutte le principali notizie riguardanti l'autismo, uno strumento informativo potente e prezioso!

Clicca per iscriverti alla nostra Newsletter!

Carlo sempre con noi!



Questo sito è dedicato alla memoria di Carlo Carlone





Iscriviti al nostro feed RSS
 
Creative Commons License Il materiale contenuto in questo portale ha esclusivamente carattere informativo, non deve essere in alcun modo inteso come consiglio medico ed è protetto dalla licenza CC (by-nc-nd). - Design by RT
  • beylikdüzü evden eve nakliyat acıbadem evden eve nakliyat göztepe evden eve nakliyat üsküdar evden eve nakliyat beykoz evden eve nakliyat bahçelievler evden eve nakliyat tuzla evden eve nakliyat beşiktaş nakliyat
  • erotik film izle
  • chip satisi
  • chip satisi
  • erotik film izle