Homepage   |    Contatti   |    Sitemap  




Chi siamo Biomedico Neurosviluppo ABA Scuola Newsletter Esperienze Notizie il Nostro Movimento

Homepage arrow Media e Politica arrow Lettera a Salute di "La Repubblica"
Lettera a Salute di "La Repubblica" Stampa E-mail

 Sul supplemento del quotidiano “La Repubblica” “Salute” del 21 febbraio 2008, nella rubrica tenuta da Paolo Cornaglia Ferrarsi “Camici e pigiami” è apparso l’articolo “Televisione dannosa”. L’articolo in questione partiva dalla vicenda dell’episodio pilota del legal thriller americano “Eli Stone”, in cui si racconta la storia di una madre che riusciva ad ottenere un risarcimento di 5 milioni di dollari per l’autismo del proprio figlio causato dalla presenza di mercurio all’interno dei vaccini a lui somministrati, per  cui l'American Academy of Pediatrics ha richiesto a gran voce l’eliminazione dai palinsesti delle rete televisiva ABC. L’articolo sosteneva l’opportunità di questa censura in quanto la diffusione della falsa informazione sul legame tra vaccini e autismo avrebbe indotto ignari e creduloni genitori alla diserzione in massa delle vaccinazioni. La “prova” del fatto che i legami tra autismo e vaccino sono inesistenti, secondo l’articolista, sarebbe che il thimerosal è stato rimosso dal 1999 e che i casi di autismo sono comunque in aumento.

Da questa vicenda, l’articolista prendeva spunto per mettere in guardia i genitori italiani dalla “disinformazione”, che in Italia “corre nella rete”.

La nostra comunità di genitori si sente molto offesa da questa affermazione. Siamo stanchi di essere bollati come poveri creduloni che credono a santoni e imbonitori solo perché non ci arrendiamo all’ignoranza della classe medica che vuole i nostri figli spacciati e imbottiti di psicofarmaci. Quella che segue è la risposta al giornalista di una nostra lister:

 

 

Spett. Redazione di Repubblica Salute,

sono la madre di un bambino diagnosticato nello spettro autistico e scrivo in merito all’articolo Televisione dannosa apparso sul vostro supplemento del 21 febbraio 2008, che trattava un argomento che purtroppo mi sta molto a cuore. Non mi interessa, ovviamente, la questione del telefilm, ma il fatto che abbiate liquidato molto frettolosamente la questione del legame tra vaccini e autismo, definendola pericolosa disinformazione che porterebbe sprovveduti genitori alla diserzione in massa delle vaccinazioni, con rischi inimmaginabili per la salute, a paragone dei quali i legami indimostrati con l’autismo sarebbero irrisori.

Non voglio dilungarmi troppo in spiegazioni scientifiche, che non ho la competenza di affrontare, ma prima di esporre la mia esperienza riguardo alla quella che voi chiamate disinformazione, mi permetto di aggiungere delle precisazioni alle informazioni da voi fornite nell’articolo.

L’autismo è una malattia in continuo aumento: nel giro di pochi anni la percentuale dei bambini colpiti è passata da 1 su 10000 a 1 su 166, il rapporto tra quelli nati autistici e quelli che lo sono diventati in un secondo momento si è ribaltato e adesso i due terzi degli autistici hanno avuto uno sviluppo normale cui è seguita una regressione intorno, per lo più, all’anno e mezzo. L’aumento del numero di vaccinazioni nei primi due anni di vita (e vi ricordo che nel 1999 le case farmaceutiche sono state invitate a eliminare questa sostanza dalla composizione dei vaccini, ma che esistono ancora scorte della formulazione precedente) è stato direttamente proporzionale all’aumento dei casi di autismo. Alla regressione autistica, che porta alla perdita delle capacità comunicative e allo sviluppo dei vari comportamenti chiamati “autismo”, si accompagnano molti problemi fisici che riguardano soprattutto l’apparato digestivo e il sistema immunitario: i comportamenti tipici dell’autismo sono il risultato di un organismo che non riesce più a digerire alcune proteine, che non riesce più a combattere banali infezioni (come la candida), che ha subito danni a reni e tiroide e che è preda di dispercezioni sensoriali (iperacusia, problemi tattili, ecc.). Sono tutti sintomi sovrapponibili a un’intossicazione da mercurio; il thimerosal, con cui sono conservati i vaccini, è composto dal 50% di mercurio.

Certo il mercurio non viene solo dai vaccini e se il vaccino con mercurio fosse la “causa” dell’autismo, tutti i bambini vaccinati sarebbero autistici, e, per fortuna, non è così. Esistono delle debolezze strutturali in questi bambini che fanno sì che il loro sistema di detossificazione funzioni male e che quindi tendano ad accumulare i metalli, in primis il mercurio (proveniente oltre che dai vaccini, dalle amalgame dentali della madre, dai farmaci dati per indurre il parto). Se un bambino ha scarse capacità di detossificarsi dovrebbe evitare ogni fonte di accumulo, dato che viviamo in un mondo già molto inquinato; penso che su questo siate d’accordo.

Le debolezze di questi bambini sono note a livello scientifico, ma gli operatori sanitari che fanno firmare il “consenso informato” prima del vaccino ai genitori non ne sono al corrente (per es. è noto che un difetto “banale” di un enzima porta a una difficoltosa produzione di glutatione, che serve a ripulire il corpo dagli agenti tossici quali sono i metalli, ma questo dato, ricavabile da un semplice prelievo di sangue, non viene mai indagato prima di vaccinare). Il vaccino contenente thimerosal sicuramente non è la sola causa dell’autismo, ma è una fonte di accumulo di mercurio che danneggia l’organismo di alcuni bambini. Con il sistema immunitario già danneggiato dal mercurio, il bambino si trova ad affrontare intorno all’anno anche il vaccino contro morbillo parotite e rosolia, a base di virus vivi. Il sistema immunitario indebolito e l'inoculazione di tre virus vivi permettono al virus del morbillo di insediarsi nell’intestino e di creare uno stato infiammatorio cronico chiamato “enterocolite autistica”, su cui si fanno studi anche nelle università italiane (all’avanguardia in questo senso l’ospedale delle Molinette di Torino).

Mi dispiace essermi dilungata, ma l’argomento è complesso e non è possibile liquidarlo in due parole.

 Tornando alla mia esperienza, le dico che grazie alla disinformazione incontrollata della rete, ho potuto trovare una soluzione per i problemi di mio figlio, che, dopo il vaccino contro morbillo, parotite e rosolia, fatto a 15 mesi, piano piano aveva smesso di parlare, aveva crisi di rabbia, non sopportava i rumori più banali e aveva una stranissima forma di diarrea cronica. Nessuno aveva una soluzione: né i neuropsichiatri per i problemi comportamentali e sensoriali, né il pediatra per quelli intestinali. In rete mi sono imbattuta in un sito di genitori che seguiva un protocollo di cura nato in America negli anni ’60 (ed è stato proprio il padre di un ragazzo autistico, il medico B. Rimland, ad avere le prime intuizioni) e adesso oggetto di studio in cinque università americane, e che vede nella soluzione dei problemi fisici dei bambini anche la soluzione ai problemi comportamentali. Grazie a queste cure, che ho intrapreso, tra l’altro, a mie spese, mio figlio parla, passa le sue giornate nella normalità di un bambino di cinque anni, non ha più dispercezioni e finalmente si è tolto il pannolino perché la diarrea adesso è quasi scomparsa.

Vi inviterei, quindi, informarvi in modo più approfondito prima di dare lezioni di “razionalità” accusando implicitamente di superstizione oscurantista chi non si fida dei vaccini e ad avere più rispetto per genitori, tra l’altro per lo più di cultura medio-alta (necessaria per reperire e capire informazioni che il nostro sistema sanitario non fornisce), stanchi di una presuntuosa disinformazione che li bolla come sprovveduti.

 

Distinti saluti

 

Daniela Giani

 

 

 
< Prec.   Pros. >
 
Entra nel nostro

FORUM

parla con i genitori
La risposta dei genitori di EA
Autismo, inefficaci gli
interventi dietetici? 



Invia la tua testimonianza!
 
Iscriviti alla NWL di EA


Tutte le principali notizie riguardanti l'autismo, uno strumento informativo potente e prezioso!

Clicca per iscriverti alla nostra Newsletter!

Carlo sempre con noi!



Questo sito è dedicato alla memoria di Carlo Carlone





Iscriviti al nostro feed RSS
 
Creative Commons License Il materiale contenuto in questo portale ha esclusivamente carattere informativo, non deve essere in alcun modo inteso come consiglio medico ed è protetto dalla licenza CC (by-nc-nd). - Design by RT
  • beylikdüzü evden eve nakliyat acıbadem evden eve nakliyat göztepe evden eve nakliyat üsküdar evden eve nakliyat beykoz evden eve nakliyat bahçelievler evden eve nakliyat tuzla evden eve nakliyat beşiktaş nakliyat
  • erotik film izle
  • chip satisi
  • chip satisi
  • erotik film izle