Homepage   |    Contatti   |    Sitemap  




Chi siamo Biomedico Neurosviluppo ABA Scuola Newsletter Esperienze Notizie il Nostro Movimento

Homepage arrow Media e Politica arrow Articolo da Italia-News.it per il WS di S. Donato
Articolo da Italia-News.it per il WS di S. Donato Stampa E-mail
Nuove terapie per il recupero dell'autismo

Scritto da MASSIMO VANNICOLA per ITALIA-NEWS.IT     
GIOVEDÌ 29 GENNAIO 2009


“Nessun bambino autistico deve rimanere indietro”. L’importanza della precocità della diagnosi e di interventi mirati. Il Comitato Controautismo-Lombardia presenta la terapia comportamentale, riconosciuta negli USA  quale metodo più efficace per recuperare le capacità dei bambini autistici. Il 30 e 31 gennaio 2009 il comitato Controautismo-Lombardia organizza il corso: "Introduzione dell' Analisi Comportamentale Applicata (ABA) e all'insegnamento del Comportamento Verbale (VB) in classe", che si terrà presso la sala consiliare del Comune di San Donato Milanese, sponsorizzato dalla Fondazione americana FATE (Foundation for Autism Training and Education), da www.emergenzautismo.org ,  in collaborazione con il Policlinico San Donato e con il patrocinio del Comune di San Donato Milanese.
Il metodo ABA (Applied Behaviour Analysis)

ABA  si traduce in italiano: Analisi Comportamentale Applicata. E’ un metodo riconosciuto in tutto il mondo come il miglior metodo scientifico in grado di operare contro gli effetti provocati dall’autismo. Applicato sistematicamente, il metodo può migliorare drasticamente le capacità del bambino nell’ apprendere nuove abilità (leggere, scrivere, ecc) e acquisire comportamenti appropriati.

Il relatore dell'evento è Thomas M. Caffrey specializzato in Analisi Comportamentale presso la Penn State University, certificato dal Board Certified Behavior Analysis.
Massimo esperto americano di problemi comportamentali infantili, arriva in Italia per mettere a disposizione di genitori ed insegnanti coinvolti nell’attività di supporto scolastico ai bambini con diagnosi di disturbo di sviluppo generalizzato, il metodo ABA.

Negli USA, il primo obiettivo di FATE (Foundation for Autism Training and Education) , il cui slogan è “Nessun bambino autistico deve rimanere indietro”, consiste nell'aiutare i circoli scolastici a sviluppare e portare avanti programmi di qualità per l'insegnamento di sostegno nelle scuole pubbliche.

I docenti addestrati nella tecnica di "educazione speciale" svolgono un ruolo fondamentale per la comunità: ogni insegnante formato con questa tecnica non solo porta benefici ai suoi studenti attuali e futuri ma anche alle loro famiglie.

FATE crede fortemente che il modo migliore per aiutare il numero crescente di bimbi con autismo, una patologia sempre più estesa negli USA e che colpisce in particolare i soggetti maschi, consista nel rafforzare la loro risorsa più grande: gli insegnanti di sostegno nelle scuole del proprio territorio.

La formazione offerta attraverso FATE si concentra sui principi dell'ABA (Applied Behaviour Analysis, analisi comportamentale applicata), l'unico trattamento scientifico riconosciuto dalle autorita' mediche degli Stati Uniti. La formazione viene erogata in modalita' "Direct Instruction", un metodo basato sulla ricerca che ha dimostrato di essere efficace  nell'apprendimento da parte del bambino della lettura, del linguaggio e della matematica.

Le sessioni di formazione sono state studiate da formatori certificati BCBA (Board Certified Behavior Analysts) per aiutare gli insegnanti a mettere in pratica correttamente i principi dell'ABA durante le lezioni.

Questo Workshop introduttivo illustrerà attraverso un ampio uso di immagini, come i principi dell' Applied Behavior Analysis (ABA) che comprende anche l'insegnamento del comportamento verbale (VB), siano efficacemente applicati nelle classi delle scuole americane e inseriti nel tradizionale linguaggio dell’apprendimento. In particolare, ai partecipanti verranno presentati i fondamentali principi scientifici, le procedure e le raccomandazioni per aiutare gli insegnanti a:

 Ø       Costruire un rapporto con lo studente

Ø       Promuovere l'interazione tra pari

Ø       Sviluppare un PEI con finalità adeguate allo sviluppo di ogni studente

Ø       Insegnare agli studenti le abilità verbali e non, della comunicazione funzionale

Ø       Catturare e pianificare la motivazione e quindi usarla per espandere il repertorio linguistico

Ø       Selezionare le attività di gruppo che promuovono la comunicazione funzionale e   l'interazione tra pari

Ø       Far passare gli studenti dall'insegnamento ambientale naturale (NET) all'insegnamento strutturato (ITT)

  Ø       Stabilire e mantenere un livello elevato (preciso e veloce) della risposta dello   studente durante l'insegnamento strutturato

Ø       Insegnare le principali materie (lettura, matematica …), utilizzando i curriculum basati sulla ricerca scientifica

  Ø       Gestire i comportamenti problematici

 Ad oggi in Italia, le terapie ABA non sono disponibili e non vengono proposte alle famiglie di bambini autistici, dai centri di Neuropsichiatria, nonostante numerosi studi scientifici riconoscano l'efficacia di questa terapia.

Per questo motivo, il comitato Contro Autismo Lombardia, vuole diffondere questo messaggio per sensibilizzare tutti: perché nessun bambino autistico deve rimanereindietro.

La patologia autistica

L’autismo è una malattia devastante che colpisce i bambini fin dalla prima infanzia. E’ una malattia che pervade ogni area dello sviluppo, ma particolarmente  quella della comunicazione e socializzazione.

La sua incidenza è in forte aumento e secondo le ultime statistiche internazionali colpisce un bambino su 150. La National Autism Association Renews americana, ha chiesto al CDC (Center of Disease Control and Prevention) di trattare l’autismo come una “emergenza nazionale”.

Uno studio pubblicato nel 2006 su Lancet rileva, in Europa, una incidenza della patologia di 1 bambino su 100. La sua diffusione è vertiginosamente aumentata negli ultimi 20 anni. Si è passati infatti da una prevalenza di 1:5000 negli anni ‘80 fino all’allarmante stima americana di 1: 150 attuali.

I maschi sono 4 volte più a rischio di sviluppare autismo rispetto alle femmine.

Ancora oggi, è una patologia, su cui la medicina tradizionale ha scarsa conoscenza, sia per ciò che riguarda le cause, sia per i metodi di riabilitazione applicabili.

Recenti ricerche tra le famiglie hanno evidenziato un dato a prova di tutto questo, ma allo stesso tempo sconcertante.

Nella sola Lombardia, quasi il 50% delle famiglie intervistate a campione, ha dichiarato che quasi tutte le informazioni riguardanti, l'autismo le ha reperite personalmente attraverso i propri mezzi (Internet, genitori, associazioni), e non dalle istituzioni preposte.

“In questa patologia, è importante agire tempestivamente, -sostiene la dottoressa Fardowza.A.Nur, gastroenterologa al Policlinico San Donato e Presidente del comitato Contro Autismo Lombardia -, ma per farlo bisogna saper riconoscere i primi sintomi della malattia fin dall’esordio (in genere entro i 3 anni), in questo caso le possibilità di un recupero completo aumenteranno nettamente. Purtroppo le strutture delegate all’accertamento del disturbo ci aiutano relativamente, lasciando trascorrere troppo tempo,  prima di fare la diagnosi precoce”.

L'Autismo contrariamente a quanto ritenuto e propagandato non è una condizione senza speranza. Molto può essere fatto per migliorare lo stato dei nostri bambini, soprattutto se si interviene precocemente e gli studi del Dipartimento di Psicologia dell’Università del Connecticut, USA, hanno evidenziato che tra il 3 e il 25 % dei bambini perdono la diagnosi di autismo ed entrano nel normale range di abilità cognitive, di adattamento sociale, grazie soprattutto all’uso di tecniche comportamentali.

Il Comitato Controautismo-Lombardia

La dr.ssa. Fardowza A. Nur dell’U.O. di Gastroenterologia e Endoscopia Digestiva dell’IRCCS Policlinico San Donato è Presidente del comitato di genitori "Controautismo- Lombardia" e membro dello staff di  www.emergenzautismo.org, un sito di supporto, informazione e ricerca sull'autismo, attorno al quale sono sorti anche diversi comitati nelle varie regioni d’Italia: Emilia Romagna, Veneto, Puglia, Basilicata, Calabria, Toscana, Lombardia, Puglia, Piemonte, Lazio. Si è avvicinata al Comitato, quando al suo bambino è stato diagnosticato un disturbo dello sviluppo generalizzato.

Il Comitato “Contro autismo Lombardia  promuove:

1) il rimborso dalla Regione Lombardia delle spese sostenute dalle famiglie per la riabilitazione dei propri figli attraverso l’analisi comportamentale applicata;

2) la diffusione sul territorio della conoscenza della patologia  e l’organizzazione di corsi per il “parents training”, sul metodo ABA;

3) training adeguati per insegnanti di sostegno sul metodo comportamentale e garantire sufficiente ore di supporto nell’ambito scolastico.

Comitato Contro Autismo Lombardia
Dr. Fardowza.A.Nur
338/7147126
 
< Prec.   Pros. >
 
Entra nel nostro

FORUM

parla con i genitori
La risposta dei genitori di EA
Autismo, inefficaci gli
interventi dietetici? 



Invia la tua testimonianza!
 
Iscriviti alla NWL di EA


Tutte le principali notizie riguardanti l'autismo, uno strumento informativo potente e prezioso!

Clicca per iscriverti alla nostra Newsletter!

Carlo sempre con noi!



Questo sito è dedicato alla memoria di Carlo Carlone





Iscriviti al nostro feed RSS
 
Creative Commons License Il materiale contenuto in questo portale ha esclusivamente carattere informativo, non deve essere in alcun modo inteso come consiglio medico ed è protetto dalla licenza CC (by-nc-nd). - Design by RT
  • beylikdüzü evden eve nakliyat acıbadem evden eve nakliyat göztepe evden eve nakliyat üsküdar evden eve nakliyat beykoz evden eve nakliyat bahçelievler evden eve nakliyat tuzla evden eve nakliyat beşiktaş nakliyat
  • erotik film izle
  • chip satisi
  • chip satisi
  • erotik film izle