Homepage   |    Contatti   |    Sitemap  




Chi siamo Biomedico Neurosviluppo ABA Scuola Newsletter Esperienze Notizie il Nostro Movimento

Homepage
Stampa E-mail


Ridurre i comportamenti violenti
con la terapia biomedica

William J. Walsh*, Laura B. Glab, Mary L. Haakenson
Pfeiffer Treatment Center, 4575 Weaver Parkway, Warrenville, IL 60555, United States
Received 5 May 2003; received in revised form 23 June 2004; accepted 29 June 2004


Traduzione Maria Lenarduzzi



Abstract

Ridurre i comportamenti violenti con la terapia biomedica. Abbiamo condotto uno studio per misurare l’efficacia della terapia biomedica su 207 soggetti con diagnosi di disordine del comportamento. I protocolli di trattamento sono stati preparati sulla valutazione clinica e grazie alla nostra passata esperienza su 8000 pazienti con disordini del comportamento al Pfeiffer Treatment Center (PTC) in un periodo di 10 anni. Sono stati somministrati degli esami ad ogni soggetto per individuare ogni sbilanciamento chimico già precedentemente riscontrato in questo tipo di popolazione: disordini del metabolismo dei metalli, anomalie nella mutilazione, disordini nella chimica dei pirroli, sovraccarico di metalli pesanti, sbilanciamento del glucosio e malassorbimento. La procedura prevedeva quindi: storia medica del paziente, esame di circa 90 sostanze biochimiche, esame fisico. Protocolli di trattamento individuali sono stati individuati per ognuno dei 207 soggetti, frequenza ed intensità degli episodi violenti sono stati valutati prima e dopo il trattamento per un periodo da 4 a 8 mesi.

Risultati:il 76% dei soggetti sottoposti allo studio hanno seguito scrupolosamente i protocolli durante il periodo di trattamento. Il rimanente 24% ha seguito in maniera discontinua le prescrizioni. Il 92% di coloro che hanno seguito scrupolosamente la terapia ha avuto una riduzione degli episodi violenti e nel 58% sono spariti del tutto. L’88% di coloro che hanno seguito i protocolli consigliati hanno sperimentato una riduzione degli episodi distruttivi e nel 53% sono scomparsi del tutto.  Statisticamente : riduzione della frequenza degli episodi: (t=7.74, pb0.001) ed episodi distruttivi: (t= 8.77, pb0.001). I RISULTATI DI QUESTO STUDIO SU 207 SOGGETTI CI DICE CHE UNA TERAPIA BIOMEDICA INDIVIDUALIZZATA PUO’ ESSERE EFFICACE NELL'OTTENIMENTO DI MIGLIORAMENTI COMPORTAMENTALI IN QUESTO TIPO DI POPOLAZIONE.

D 2004 Elsevier Inc. tutti I diritti riservati.

Parole chiave: Violent behavior; Biochemical therapy; Chemical imbalance


1. Introduzione

La ricerca che studia la relazione tra chimica del corpo umano e comportamenti è aumentata molto negli ultimi anni. Osservazioni preliminari suggeriscono che gli sbilanciamenti nell’organismo influenzano il comportamento delle persone quanto le condizioni di povertà, abusi, e altri fattori ambientali che tradizionalmente vengono individuati e accettati come cause dei comportamenti aberranti. [1–4].

Molte anomalie biochimiche osservate nella popolazione con disordini comportamentali hanno un impatto documentato sulla chimica del cervello. Ad esempio, il RAME è un importante fattore di conversione della DOAMINA in NOREPINEFRINA. [5,6], lo ZINCO è necessario per la sintesi del GABA [7], la Vitamina  B-6  è necessaria per la sintesi della serotonina, dopamina, GABA e norepinefrina, [8], i folati sono necessari per una efficiente produzione di catecolamine  [9,10]. 

I neurotrasmettitori sono sintetizzati nel cervello dagli AMINOACIDI, dalle VITAMINE, dai MINERALI  e da altre sostanze biochimiche. Disordini genetici che si rivelano attraverso livelli eccessivi o ridotti di questi nutrienti determinano sbilanciamenti chimici nel cervello.
La terapia biochimica è finalizzata a superare queste anomalie genetiche o acquisite nei precursori dei neurotrasmettitori e altre importanti sostanze chimiche. Per  oltre 10 anni il Pfeiffer Treatment Center (PTC) a Warrenville, IL, ha raccolto un grande database di informazioni biochimiche su oltre 8000 pazienti (BD)con Disordini comportamentali, con la misurazione di oltre 90 elementi chimici nel sangue, urina e tessuto dei capelli. Una analisi di questi dati rivela una alta incidenza di anomalie chimiche nel gruppo BD a confronto con la popolazione normale, ed in particolare queste anomalie riguardano: DISORDINI DEL METABOLISMO DEI METALLI,  SBILANCIAMENTI DELLA METILAZIONE, CHIMICA ANORMALE DEI PIRROLI, ELEVATI METALLI TOSSICI, SBILANCIAMENTO DEL GLUCOSIO E MALASSORBIMENTO.

Il Pfeiffer Treatment Center ha sviluppato terapie biochimiche individualizzate volte a correggere tali sbilanciamenti in oltre 8000 pazienti BD. Questo studio è stato ideato per misurare l’efficacia dei trattamenti del PTC nel migliorare i comportamenti in questo tipo di popolazione.


2. Soggetti inseriti nello studio

I pazienti sono stati selezionati tra i 278 che si sono presentati con diagnosi di Disordine da deficit di attenzione, Disordine da comportamento ribelle-oppositivo, o altri disordini del comportamento.

Dei 258 pazienti , 28 presentavano comorbidità con autismo, depressione bipolare, sindrome di Tourette o schizofrenia  E SONO STATI ESCLUSI DALLO STUDIO. [11].Altri 23 soggetti la cui situazione comportamentale non era ben definita sono stati esclusi dallo studio.
I rimanenti 207 pazienti, 149 maschi e 58 femmine avevano un età tra i 3 e i 55 anni, con una media di 11,5 anni. Il 95,2% aveva seguito terapie di modificazione comportamentale e / o psicoterapia prima di tentare l’intervento biomedico e l’85% AVEVA UNA STORIA DI FARMACI ALLE SPALLE, COME RITALIN, ANTIDEPRESSIVI, TRANQUILLANTI.  IN TUTTI I 207 SOGGETTI I PROBLEMI COMPORTAMENTALI ERANO GRAVI.


3. LO STUDIO:

Gli sbilanciamenti biochimici sono stati individuati analizzando 90 sostanze chimiche presenti in sangue, urine, capelli: gli esami del sangue sono stati condotti in collaborazione con il “Kline Beecham Laboratory (now Quest Diagnostics, Inc.)”.

Gli esami prevedevano analisi di: rame, ceruloplasmina, zinco plasmatico, istamina in sangue intero, piombo, manganese oltre a pannelli specifici per stabilire lo stato di ferro/emoglobina, elettroliti, funzionalità epatica, renale e tiroidea. I criptopirroli urinari sono stati analizzati presso il “Norsom

Medical Reference Laboratories”. I metalli presenti nei capelli sono stati analizzati presso il “Doctor’s Data, Inc.”

Le analisi hanno rivelato la presenza di anomalie chimiche che chiaramente riflettevano la presenza di sbilanciamenti biochimici in 179 dei 207 soggetti dello studio.Nei  rimanenti 28 pazienti per i quali i risultati degli esami non erano significativi, si è visto che nel passato sono stati trattati per sintomi e tratti associati a specifici sbilanciamenti biochimici.

Ognuno dei 207 soggetti quindi presentava uno o più sbilanciamenti biochimici. L’incidenza di tali specifici sbilanciamenti, i loro valori, i livelli di riferimento , sono presenti nella Tavola 1.

Sono stati condotti dei colloqui con i familiari dei soggetti per documentare con i loro resoconti l’entità e la frequenza dei comportamenti violenti osservati in un periodo da 3 – 6 mesi prima dell’inizio dell’intervento biochimico individualizzato e per 4-8 mesi DOPO IL TRATTAMENTO BIOCHIMICO.

In ogni resoconto la frequenza (episodi in un mese) degli episodi violenti, distruttivi, e /o episodi di violenza verbale è stata misurata con il “ Walsh–Isaacson Behavior Scale (WIBS; [12]), una scala di valutazione standard utilizzata per i resoconti riportati dai soggetti e/o dai familiari.  Anche l’osservanza delle terapie prescritte è stata monitorata negli incontri successivi.


Sbilanciamenti chimici e trattamenti biochimici nei soggetti studiati:
 
La terapia biochimica può essere definita come “correzione degli sbilanciamenti chimici innati o acquisiti” con utilizzo di AMINOACIDI, VITAMINE, MINERALI  e altre sostanze biochimiche NORMALMENTE PRESENTI NEL CORPO. In questo studio, la diagnosi di sbilanciamento chimico è stata stabilita sulla base dell’analisi delle sostanze chimiche chiave presenti in sangue, urina , tessuti, insieme alla raccolta della storia medica e la raccolta dei sintomi di ogni paziente.

Una terapia individualizzata costituita da aminoacidi, vitamine, minerali è stata sviluppata per ogni singolo paziente in base agli sbilanciamenti biochimici riscontrati.  [13–15].


 



I dosaggi sono stati stabiliti in base alla gravità degli sbilanciamenti, peso corporeo, fattore di peso metabolico, per ogni individuo. In alcuni casi sono state raccomandate restrizioni alimentari. Ogni paziente ha potuto scegliere se assumere i nutrienti come capsule, pasticche, polvere o liquidi, in dosi spartite tra il mattino e la sera. In alcuni casi il trattamento prevedeva l’assunzione di 5-10 capsule, per due volte al giorno. Ai soggetti che stavano assumendo farmaci o consigli da altri medici è stato chiesto di continuare a farlo per almeno due mesi prima di sospenderli. I tutti i casi la gestione dei farmaci rientrava sotto la responsabilità dei relativi medici curanti.Gli sbilanciamenti chimici più comuni osservati tra i soggetti dello studio e le relative terapie biomediche prescritte sono qui sotto descritti:

Elevato rapporto rame/zinco :
Il 75,4% dei soggetti testati ha presentato rame alto nel siero e zinco plasmatici ridotto:  [16,17]: questo è uno sbilanciamento chimico associato ad una regolazione inadeguata di questi metalli/minerali dalla metallotioneina. 
I disordini comportamentali associati a questo sbilanciamento includono: RABBIA, DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA’ [12,18–24]
Il trattamento utilizzato ha lo scopo di promuovere l’azione della metallotioneina con l’assunzione di ZINCO, CISTEINA, MANGANESE oltre ad aumentare i nutrienti quali: PIRIDOSSINA, ACIDO ASCORBICO E VIT.E.

Sovrametilazione:
nei soggetti testati, il 29,5% presentava ridotta istamina nel sangue: l’istamina è un marker della sovrametilazione, del rapporto gruppi metil/folati, e dei livelli elevati delle catecolamine. Questo sbilanciamento è associato a: ANSIA, PARANOIA, DEPRESSIONE [13,14,24–27]
Trattamenti: ACIDO FOLICO, COBALAMINA, NIACINAMIDE, E NUTRIENTI

Sottometilazione
Il 37% dei soggetti aveva istamina elevata nel sangue; i sintomi: DEPRESSIONE, ALLERGIE STAGIONALI, TENDENZE OSSESSIVO-COMPULSIVE, ELEVATA LIBIDO, BASSI LIVELLI DI SEROTONINA [13,14,24–27].
Trattamenti: METIONINA, CALCIO, MAGNESIO E VITAMINA D.

Disordine dei pirroli
Il 32% dei soggetti soffriva di pirroluria:  un livello elevato di pirroli è stato associato ad un errore congenito nella chimica dei pirroli, ma può anche essere determinato da Porfiria o esposizione a metalli pesanti, sostanze tossiche e altre condizioni favorenti lo stress ossidativo. Questo sbilanciamento si manifesta con una carenza IMPRESSIONANTE di piridossina (B6) e zinco e si manifesta con:
INCAPACITA’ DI GESTIRE LO STRESS E RABBIA ESPLOSIVA. [13,14,16,28,29].
Trattamenti: PIRIDOSSINA, P-5-P, ZINCO, VIT.C E VIT.E.

Sovraccarico di metalli pesanti
Elevate livelli di piombo, cadmio o altri metalli tossici nel sangue o nei capelli erano presenti nel 17,9% dei soggetti. Il sovraccarico di metalli pesanti si manifesta con: DISORDINI COMPORTAMENTALI E INSUCESSO SCOLASTICO [30–35].
Trattamenti: CALCIO, ZINCO , SELENIO, MANGANESE, PIRIDOSSINA oltre agli AMMINOACIDI  costituenti la metallotioneina insieme a antiossidanti per promuovere l’espulsione dei metalli tossici.

Sbilanciamento del glucosio
Il 30,4% dei soggetti inseriti nello studio presentavano una tendenza a livelli di glucosio unusualmente bassi. Questo sbilanciamento sembra rappresentare più UN FATTORE DI AGGRAVAMENTO piuttosto che la causa dei disordini del comportamento  [36–42].
Trattamenti: CROMO , MANGANESE E MODIFICAZIONE DELLA DIETA.

Malassorbimento
Il 15,5% dei soggetti presentava malassorbimento che influenzava I livelli di amminoacidi, vitamine e minerali. Questo sbilanciamento provoca:
IRRITABILITA’, IMPULSIVITA’, INSUCCESSO SCOLASTICO[43–51].
IL trattamento varia a seconda del TIPO di malassorbimento: ad esempio: acidi dello stomaco insufficienti, insufficienza gastrica, sovraccrescita di lieviti, ecc…
Il trattamento include l’utilizzo di nutrienti per regolare il livello degli acidi dello stomaco, enzimi digestivi, biotina e probiotici.

Risultati:
Sulla base dei resoconti delle famiglie, il 76% dei soggetti ha seguito scrupolosamente le prescrizioni. Solo il 24% dei soggetti è stato discontinuo nell’osservare le terapie. Il 50% dei soggetti che non hanno seguito le prescrizioni, addirittura non ha mai iniziato; l’altro 50% ha seguito le indicazioni per solo un mese. La ragione principale per la  quale sono stati interrotti i trattamenti era il rifiuto nell’ingoiare le pillole, nausea. 


 

 



 
Risultati dei trattamenti

Tra I soggetti che hanno seguito le prescrizioni, 105 erano aggressivi, 112 episodi distruttivi, 90 entrambe I comportamenti. Dopo i trattamenti il 92% dei soggetti aggressivi ha risotto la frequenza degli episodi, e il 58% non ha più avuto questo tipo di comportamento. L’88%dei soggetti con  comportamenti distruttivi ha risotto la frequenza degli episodi e il 53% non ha più manifestato episodi distruttivi.
La tavola 2 riguarda tutti i soggetti dello studio, mentre la tavola 3 riporta i risultati dei soli soggetti che hanno seguito scrupolosamente le indicazioni di trattamento. Non sono state notate differenze tra maschi e femmine.


Discussione:

Il risultato di questo studio ci dice che IL TRATTAMENTO BIOCHIMICO INDIVIDUALIZZATO è EFFICACE NEL MIGLIORARE I COMPORTAMENTI NEI SOGGETTI CHE HANNO SEGUITO LE INDICAZIONI DI TRATTAMENTO. L’EFICACIA DEL TRATTAMENTO è RISULTATA Più ALTA NEI SOGGETTI DI Età INFERIORE A 14 ANNI. Questo risultato potrebbe essere determinato da una minore incidenza di gravi abusi di alcol e droghe e di una minore presenza di negativa autoconsiderazione di sé stessi nei soggetti più giovani.
Questi risultati ci dicono che l’osservanza delle indicazioni terapeutiche è il fattore fondamentale di successo nel trattamento dei comportamenti violenti attraverso la terapia biochimica.

Per favorire questo comportamento collaborativo il PTC ha prodotto un composto che riduce del 50% il numero di capsule da dover ingerire.

Il trattamento biochimico ha una influenza fondamentale sul comportamento umano: la stessa prevenzione della delinquenza e del crimine richiede interventi precoci per individuare e normalizzare la biochimica dei soggetti a rischio.

Per confermare questa ipotesi, e cioè l’efficacia dei trattamenti biochimici come misura di prevenzione del crimine necessita di uno studio a doppio cieco + gruppo di controllo con placebo e studi estesi nel tempo per controllare la durata dell’efficacia di questi trattamenti.


Si ringraziano:

Nurses Kim Jakubek, Maizie Grisch, Marsha Moran,Janice Olah, Mary Prekosovich, Mary Jane Lambertson, and Rose Bagley collected the behavior information. Kim Qualtier and Kim Young assembled the computerized database. The data were analyzed by statisticians Molly Walsh and Terry Walsh. We wish to acknowledge the dedicated service to these behavior patients by coauthor Laura B. Glab, MD, who died shortly after the completion of this project.



Referenze:

[1] Reiss A, Miczek K, Roth J, editors. Understanding and preventing violence. Biobehavioral influences, vol. 2. National Academy Press; 1994.
[2] Wilson JQ, Herrnstein R. Crime and human nature. New York7 Simon and Schuster; 1985.
[3] Gesch C, Hammond S, Hampsom S, Eves A, Crowder M. Influence of supplementary vitamins, minerals, and essential fatty acids on the antisocial behaviour of young adult prisoners: randomized, placebocontrolled trial. Br J Psychol 2002;181:22– 8.
[4] Cloninger C, Gottesman I. Genetic and environmental factors in antisocial behavior disorders. In: Mednick S, Moffitt T, Stack S, editors. The causes of crime. New biological approaches. New York7 Cambridge University Press; 1987. p. 92– 109.
[5] Ames B, Elson-Schwab I, Silver E. High-dose vitamin therapy stimulates variant enzymes with decreased coenzyme binding affinity
(increased Km): relevance to genetic disease and polymorphisms. Am J Clin Nutr 2002;75(4):616– 58.
[6] Klinman JP, Brenner M. Role of copper and catalytic mechanism in the copper monooxygenase, dopamine beta-hydrogenase (DBH). In: King TE, Mason HS, Morrison M, editors. Oxidases and related redox systems. New York7 Alan R. Liss; 1988. p. 227– 48.
[7] Prasad AS. Biochemistry of zinc. Biochemistry of the elements, vol. 11. Plenum Press; 1993. p. 153– 64.
[8] Dakshinamurti K, et al. Neurobiology of pyridoxine. Vitamin B-6. Annals of the New York Acad of Sci 2000;585:128– 44.
[9] Coppen A, et al. Depression and tetrahydrobiopterin: the folate connection. J Affect Disord 1989;16(2–3):103–7.
[10] Alpert JE, Fava M. Nutrition and depression: the role of folate. Nutr Rev 1997;55(5):145–9.
[11] Diagnostic and statistical manual of mental disorders: DSM-IV. 4th ed. Washington (DC)7 Amer. Psych. Assn; 1998.
[12] Walsh WJ, et al. Elevated blood copper/zinc ratios in assaultive young males. Physiol Behav 1997;62(2):327– 9.
[13] Pfeiffer C. Mental & elemental nutrients. New Canaan (CN)7 Keats; 1975. p. 396– 402.
[14] Jaffe R, Kruesi O. The biochemical immunology window; a molecular view of psychiatric case management. J Appl Nutr 1992;44(2):1– 15.
[15] Pfeiffer C. Nutrition and mental illness. Rochester (VT)7 Healing Arts Press; 1987. p. 93– 103.
[16] Pfeiffer C, Audette L. Pyroluria, zinc and B-6 deficiencies. Int Clin Nutr Rev 1988;8(30):107 –10.
[17] Prasad AS. Biochemistry of zinc. Biochemistry of the elements, vol. 11. Plenum Press; 1993. p. 77– 92.
[18] Linder MC. Biochemistry of copper. Biochemistry of the elements, vol. 10. Plenum Press; 1991. p. 182– 94.
[19] Cunnane SC. Zinc: clinical and biochemical significance. Boca Raton (FL)7 CRC Press; 1988.
[20] Ebaldi M, Murrin LC, Pfeiffer RF. Hippocampal zinc thionein and pyridoxal phosphate modulated synaptic function. Vitamin B-6.
Annals of the New York Acad of Sci 1980. p. 189– 201.
[21] Kagi JHR, Schaffer A. Biochemistry of metallothionein. Biochemistry 1988;27:8509– 15.
[22] Pfeiffer C, Iliev V. A study of zinc deficiency and copper excess in the schizophrenias. Int Rev Neurobiol 1972;72:141.
[23] Walwork J, Sandstead H. Effect of zinc deficiency on brain catecholamine concentration. Fed Proc 1981;40:939.
[24] Chiang P, Gordon R, et al. S-adenosylmethionine and methylation. FASEB J 1996;10:471–80.
[25] Walsh WJ, Rehman F. Methylation syndromes in mental illness. Abstract, Neuroscience Society. New Orleans; Nov. 1997.
[26] Abou-Saleh MT, Coppen A. Serum and red blood cell folate in depression. Acta Psychiatr Scand 1989;80(1):78 – 82.
[27] Pfeiffer C, Braverman E. Folic acid and vitamin B-12 therapy for the low histamine, high copper biotype of schizophrenia. In: Botez M,
Reynolds E, editors. Folic acid in neurology, psychiatry, and internal medicine. New York7 Raven Press; 1979. p. 483– 7.
[28] Irvine D, Bayne W, Miyashita H. Identification of kryptopyrrole in human urine and its relation to psychosis. Nature 1969;224(81):811 – 3.
[29] Pfeiffer C, LaMola S. Zinc and manganese in the schizophrenias. J Orthomol Psychiatry 1983;12:215– 34.
[30] Goyer R. Toxic effects of metals. In: Klassen C, Amdur M, Doull J, editors. Casarett and Doull’s toxicology. 3rd ed. New York7 Macmillan Publishing; 1986. p. 582– 635.
[31] Neurotoxicity: identifying and controlling poisons of the central nervous system. U.S. Congress, Office of Technology Assessment, U.S. Govt. Printing Office, OTA-BA-436; 1990.
[32] Needleman H. The long-term effects of exposure to low doses of lead in childhood. New Engl J Med 1990;322:83– 8.
[33] Nevin R. How lead exposure relates to temporal changes in IQ, violent crime, and unwed pregnancies. Environ Res 2000;83(1):1– 22.
[34] Needleman H. The persistent threat of lead: a singular opportunity. Am J Public Health 1989;79:643– 5.
[35] Thomson G, et al. Blood lead and children’s behavior—results from the Edinburgh lead study. J Child Psych 1989;30(4):515– 28.
[36] Virkkunen M. Reactive hypoglycemia tendency among habitually violent offenders. Nutr Rev 1986;44:94–103.
[37] Breakey J. The role of diet and behavior in childhood. J Paediatr Child Health 1997;33:190– 4.
[38] Venables P, Raine A. Biological theory. In: McGurk B, Thornton D, Williams M, editors. Applying psychology to imprisonment: theory and practice. London7 Her Majesty’s Stationery Office; 1987. p. 3 – 28.
[39] Gray G. Diet, crime and delinquency: a critique. Nutr Rev 1986;44:89–94 [Suppl].
[40] Bennett P, Brostoff J. The health of criminals related to behavior, food, allergy and nutrition. J Nutr Environ Med 1997;7:359 – 66.
[41] Kruesi M, et al. Effects of sugar and aspartame on aggression and activity in children. Am J Psych 1987;144:1487 –90.
[42] Milich R, Pelham W. Effects of sugar ingestion on the classroom and playgroup behavior of attention deficit disordered boys. J Consult Clin Psychol 1986;54:714– 8.
[43] Kanarek R. Nutrition and violent behavior. In: Reiss A, Miczek K, Roth J, editors. Understanding and preventing violence. Biobehavioral influences, vol. 2. Washington (DC)7 National Academy Press; 1994. p. 515– 39.
[44] Black M. Zinc deficiency and child development. Am J Clin Nutr 1998;68:464S– 9S [Suppl.].
[45] Schoenthaller S, Bier I. The effect of vitamin–mineral supplementation on juvenile delinquency among American schoolchildren. J Altern Complement Med 2000;6(1):7– 17.
[46] Stevens L, et al. Omega-3 fatty acids in boys with behavior, learning, and health problems. Physiol Behav 1996;59(4–5):915–20.
[47] Benton D, et al. Vitamin supplementation for one year improves mood. Neuropsychobiology 1995;32(2):98 –105.
[48] Anderson G, Hrboticky N. Approaches to assessing the dietary component of the diet behavior connection. Nutr Rev 1986;44:42 – 51
[Suppl.].
[49] Virkkunen M. Serum cholesterol levels in homicidal offenders. Neuropsychobiology 1983;10:65 – 9.
[50] Virkkunen M, Penttinen H. Serum cholesterol in aggressive conduct disorder: a preliminary study. Biol Psychiatry 1984;19:435– 9.
[51] Rumsey J, Rappaport J. Assessing behavioral and cognitive effects of diet in pediatric populations. In: Wurtman R, Wurtman J, editors. Nutrition and the brain, vol. 6. Raven Press; 1983. p. 101–62.

 


 
< Prec.   Pros. >
 
Entra nel nostro

FORUM

parla con i genitori
La risposta dei genitori di EA
Autismo, inefficaci gli
interventi dietetici? 



Invia la tua testimonianza!
 
Iscriviti alla NWL di EA


Tutte le principali notizie riguardanti l'autismo, uno strumento informativo potente e prezioso!

Clicca per iscriverti alla nostra Newsletter!

Carlo sempre con noi!



Questo sito è dedicato alla memoria di Carlo Carlone





Iscriviti al nostro feed RSS
 
Creative Commons License Il materiale contenuto in questo portale ha esclusivamente carattere informativo, non deve essere in alcun modo inteso come consiglio medico ed è protetto dalla licenza CC (by-nc-nd). - Design by RT
  • beylikdüzü evden eve nakliyat acıbadem evden eve nakliyat göztepe evden eve nakliyat üsküdar evden eve nakliyat beykoz evden eve nakliyat bahçelievler evden eve nakliyat tuzla evden eve nakliyat beşiktaş nakliyat
  • erotik film izle
  • chip satisi
  • chip satisi
  • erotik film izle