Insegnare il linguaggio ai bambini con autismo

Come Patologista del Linguaggio, la mia prima reazione all'idea dell'ABA come metodologia con cui insegnare il lingaggio a bambini con autismo fu di fastidio. La mia impressione era che l'ABA fosse usata rigidamente per insegnare abilità isolate che sono difficili da generalizzare e quindi non divenivano funzionali. Questo andava contro il principio della formazione che avevo ricevuto negli anni '70. A quel tempo, erano in voga classi aperte e istruzioni linguistiche intere. La fonetica era considerata obsoleta. Alcuni educatori abbandonarono la rigidità dello stare in cattedra, preferendo lavorare in gruppi e alcune scuole eliminarono del tutto i muri delle aule. L'obiettivo di questo approccio informale di educazione era incoraggiare l'espressività e la creatività sia degli alunni che degli insegnanti.
Nel 1979 iniziai a lavorare al Maine Medical Center (MMC). Contrariamente alle aspettative più rilassate della scuola pubblica, la comunità medica uscente enfatizzava la valutazione dei sintomi e della
determinazione delle diagnosi. Erano richieste prove dei progressi dei pazienti e dell'efficacia degli specifici trattamenti. Nel 1989, lasciai il MMC per iniziare la pratica privata. Avevo particolare interesse nell'aiutare individui che avevano poco o del tutto assente il linguaggio e che beneficiavano dell'uso dell'Alternative and Augmentative Communication (AAC). Nella mia pratica privata, continuai questo tipo di lavoro. Cominciai all' MMC a sviluppare servizi migliori per persone con bisogno di Comunicazione Aumentativa. Cominciavano ad arrivare al mio studio pazienti con diverse disabilità, compreso l'autismo. Insegnare a qualunque bambino non verbale ad usare l'AAC rappresenta una sfida unica: per incominciare, l'AAC richiede l'uso dei simboli per convogliare messaggi. Il bambino deve imparare a tradurre concetti comunicativi in simboli espressivi e recettivi. All'inizio, questo veniva insegnato usando un adulto che modellava l'uso del simbolo, quaderni per dialoghi e sequenze per "parlare di" attività o argomenti piacevoli per il bambino. Una volta che il bambino aveva appreso il concetto di linguaggio simbolico, veniva introdotto alla tecnologia. Questo comportava una certa complessità: mentre avevo avuto successo nell'insegnare ai bambini non verbali che non avevano autismo l'uso dell'AAC, insegnare ai bambini con autismo era molto più difficile. Molte delle strategie comunicative sulle quali facevo affidamento per gli altri bambini, non erano efficaci con i bambini con autismo. Questi bambini non iniziavano la comunicazione nei modi convenzionali, non rispondevano alle espressioni facciali o ad altri segnali sociali, avevano poca, se non nessuna, capacità di giocare, così che era difficile coinvolgerli. Spesso, i bambini avevano poco interesse a giocare con i coetanei. Questi bambini con autismo sembravano richiedere molta più ripetizione per imparare abilità rispetto ai bambini che non avevano autismo. Con qualunque diagnosi i bambini si presentassero nel mio studio, l'aspetto di gran lunga più frustrante del trattamento era la mancanza di riscontro consistente nella scuola, nelle istituzioni e a casa. Nel caso dei bambini con autismo, era davvero molto importante che la terapia fosse seguita da persone che se ne occupassero giornalmente. Questo era importante come la logopedia che veniva fatta per un'ora due volte a settimana. Le strategie della comunicazione hanno bisogno di essere sistematicamente intrecciate nei vari aspetti della vita di chi deve impararle. Questo potrebbe fornire la ragione funzionale a voler comunicare, cosa che sembra accrescere lo sviluppo della comunicazione stessa per tutti i bambini, qualunque sia la disabilità.
Il mio primo contatto con l'intervento ABA avvenne nel 1995 con la visita di un bambino che era seguito in un programma centrato sull'ABA. Basandomi sulle voci e le insinuazioni, mi aspettavo che il programma fosse sterile: gli analisti comportamentali insegnano ai bambini ad essere dei robot, mi era stato detto, e usano le punizioni; non fanno niente se non gli esercizi al tavolo. I bambini sono inseriti in un programma talmente intensivo che non hanno più il tempo per essere bambini. Dopo aver osservato il bambino al centro, capii che quanto sentito era completamente errato. Vidi che l'ABA mi avrebbe offerto un grande aiuto nell'insegnare ai bambini a comunicare. Lo staff del centro aveva intrapreso un programma organizzato che aveva come obiettivo abilità di comunicazione una o più volte al giorno. Malgrado il diverso staff che aveva stilato il programma, la specificità degli esercizi compresi nel programma assicurava che sarebbero stati svolti nello stesso modo ogni volta. Siccome l'intervento era intensivo, al bambino erano offerte diverse opportunità di imparare per tutta la giornata. E poi c'erano i dati! Lo staff teneva una specie di diario per ogni bambino, che conteneva i programmi prescritti per avere unicità di obiettivi e intenti, e i dati dimostravano i progressi del bambino. Rivedendo questi dati, potevo vedere esattamente quale livello di prestazioni potevo aspettarmi da ogni bambino quando lavoravo con lui. Imparai anche che le tecniche usate nell'ABA avrebbero fatto da complemento e da supplemento nelle strategie che avevo imparato essere efficaci nell'insegnare la comunicazione ai bambini. Molte delle tecniche usate durante una sessione di ABA potevano anche essere usate durante "momenti in cui è facile insegnare" e in momenti incidentali. Imitare, aiutare, giocare e rinforzare erano tecniche usate sia nell'ABA che nella logopedia. Col passare del tempo, capii che poteva esserci una relazione quasi simbiotica tra logopedia e ABA. I risultati che i bambini ottenevano in un discrete trial li preparava a imparare in ambiente più naturale durante la logopedia. Da una prospettiva clinica, ora definisco gli obiettivi in termini molto più oggettivi e misurabili, e metto in atto gerarchie di apprendimento più sistematiche, basate sulle necessità individuali del bambino. Ricordando i tempi trascorsi al Maine Medical Center confermo l'efficacia del trattamento con dati solidi. Sono ora molto più incline ad includere accordi di base e di inter-osservanza per indivuiduare nuove vie per insegnare ai bambini la comunicazione. All'inizio, questo sembrava togliere un pò di spontaneità alla mia interazione con i bambini. Ma con il passare del tempo, ho imparato ad essere spontaneo all'interno della struttura definita del programma del bambino e dei suoi obiettivi. Inoltre, la struttura innata nell'ABA fornisce un alto livello di particolari sullo stile di apprendimento del bambino e regola che sia utile a tutti del team di intervento. L'aba impone anche una intensità e una consistenza che è davvero molto importante per l'efficacia della logopedia per molti bambini.
Un altro vantaggio che ho scoperto nei buoni programmi ABA è che lo staff è davvero ben formato. Lo staff mette in pratica coerentemente programmi per mettere per iscritto una volta che siano stati determinati. Lo staff è anche molto determinante per sondare se occarrano cambiamenti o modifiche. La necessità di alte credenziali per i professionisti ABA li incoraggerà a mantenere un alto livello di professionalità, oltre a migliorare i risultati per i bambini con autismo.
L'esigenza di raccogliere i dati in un programma ABA assicura che il programma proceda con regolarità; richiedere un continuo confronto di raccomandazioni terapeutiche è la regola, non l'eccezione.Il logopedista può stabilire un importante collaborazione con i professionisti ABA. Questa collaborazione diviene anche più importante quando il bambino sta avendo difficoltà ad acquisire una capacità. La collaborazione tra professionisti che conoscono lo stile di apprendimento del bambino bene è la chiave per superare gli ostacoli nell'imparare. Un altro vantaggio di avere uno staff ABA coinvolto nella logopedia è che questi professionisti sanno sempre come fare il loro lavoro. Lo Speech Pathologist può spiegare gli obiettivi futuri e lo staff ABA può adattare i programmi o cominciare ad eliminare adeguatamente gli aiuti basandosi sulle analisi fatte possibilmente dai dati emergenti. Detto semplicemente, l'ABA mi ha aiutato a diventare un professionista più valido e responsabile. Ora studio la letteratura ABA, cercando nuovi modi di insegnare a tutti i bambini. Uso anche le tecniche ABA con bambini che presentano altre diagnosi rispetto all'autismo. Ma cosa porta la logopedia alla disciplina ABA? Secondo la mia esperienza, porta davvero molto. Lo Speech Pathologyst può aiutare a trasmettere abilità comunicative imparate durante le sedute ABA nell'ambiente reale. Possiamo mostrare agli analisti comportamentali le strade da seguire per tirar fuori la comunicazione in modi originali, forse sabotando l'ambiente. Possiamo offrire vie per insegnare a commentare ("l'uccello è blu") o a dare direttive ("guarda la barca!"). E possiamo aiutare ad identificare le abilità di cui il bambino ha bisogno in un ambiente naturale, che può necessitare di essere spezzettato e insegnato nel discrete trial o in altri modi sistematici. A rischio di sembrare psicodinamico, ho imparato ho imparato che in logopedia c'è l'opportunità di lasciare che sia il bambino a condurre, ma anche di applicare il metodo dell'ABA per riportare il bambino ai nostri obiettivi determinati. Per esempio, ho provato a portare un bambino a pronunciare fonemi e vocali. Lui preferiva "dire" le parole usando il suo meccanismo di comunicazione. Facemmo il compromesso che una volta che il bambino emetteva una approssimazione, gli avrei permesso anche di dire una parola con quel suono dentro con il suo "talk box." Un'altra cosa che lo Specch Pathologist può portare al piano di comunicazione del bambino è la prospettiva sul modo di comunicazione che un bambino può usare. Molti bambini con autismo hanno l'abilità cognitiva di capire e formulare complessi concetti comunicativi. Alcuni non possono articolare questi concetti verbalmente. Noi non vogliamo aspettare che un bambino sia verbale per insegnare la comunicazione, o lo riterremo indietro nello sviluppo e nel comportamento. Gli Speech Pathologist possono offrire un insieme di codici per accrescere la comunicazione e identificare il migliore per ogni bambino. Oggi quando lavoro con maestre, insegnanti di sostegno e con le famiglie al di fuori della comunità ABA, sento spesso commenti come, "Può farlo se vuole". Ora, la mia risposta è "Dove sono i dati?". Quando sento, " Lo ha fatto tutto il tempo", chiedo semplicemente "Dove è questo dato?". Dopo un inizio difficile, mi sono convinto dell'importanza e del valore dell'ABA. I dati lo provano!