Far prendere i supplementi ai bambini


 


I suggerimenti di Lori Knowles



Iniziare la terapia degli integratori nutrizionali con i bambini può essere molto stressante per i genitori. A bambini con disabilità dello sviluppo (come ADD/HD, Autismo, disfunzioni d’integrazione sensoriale ecc) possono venire prescritti dai medici da 6 a 20 diversi integratori nutrizionali da assumere ogni giorno. Questo può essere difficile per i genitori, specialmente quando i loro figli non inghiottono pillole e si oppongono con forza ad assumere qualsiasi cosa non vogliano.
Molti genitori mi chiedono prodotti in forma masticabile o liquida, ma purtroppo, sebbene siano disponibili alcuni buoni integratori liquidi e/o masticabili, spesso si tratta di prodotti molto ostosi e i bambini potrebbero rifiutarli ugualmente.
Sotto ci sono alcuni suggerimenti utili per superare il problema dello scappar via, del serrare i denti, e dello sputar fuori ciò che è stato messo loro in bocca. Sia che gli integratori che date loro siano in capsule, liquidi, o masticabili, il seguire questi sei punti dovrebbe aiutarvi a far si che il vostro bambino si adatti.

1. Assumete un atteggiamento serio e deciso

Date gli integratori con lo stesso livello di intensità che usate per dar loro delle medicine salva-vita. Il vostro bambino ha bisogno degli integratori per sostenere il cervello, il sistema immunitario e per lo stato nutrizionale in generale. Vostro figlio può percepire quando voi fate sul serio e non potete lasciargli pensare che prendere gli integratori sia facoltativo.

2. Non mescolateli con cibo o bevande e non fate finta che non ci siano!

Questo funziona solo se aggiungete solamente uno o due integratori privi di sapore. Anche se non riescono a sentirlo, possono decidere di non finire il cibo o la bevanda che avete mescolato e quindi il bambino potrebbe non assumere tutto quello di cui ha bisogno. Se aggiungete più integratore di quanto è necessario, nasconderlo nel cibo alla fine vi si ritorcerà contro. L’ultima cosa che vogliamo è che bambini già selettivi nel mangiare smettano di farlo perché sospettano che voi possiate aver aggiunto qualcosa al cibo.

3. Scegliete il metodo migliore per vostro figlio
Dovete considerare  i problemi sensoriali e di deglutizione di vostro figlio. Se la cava meglio con liquidi o con sostanze semi-solide? I due modi più comuni per somministrare gli integratori consiste con il mescolarli con purea di frutta o con liquidi.
Purea di frutta/omogeneizzati: ho scelto gli omogeneizzati come un modo per far prendere gli integratori al mio bambino perché lui  li amava  da piccolo, specialmente quelli di pesche. Il gusto asprigno delle pesche è molto adatto a mascherare il gusto di molti integratori, specie le vitamine B. A volte alternavo con le pere e con la salsa di mele. Usate omogeneizzati naturali o fateli voi stessi per evitare i residui dei pesticidi. Aprite ogni capsula e mescolatela nella purea di frutta scelta (1-2 cucchiai da tavola). Aggiungete una goccia di stevia per addolcire e mascherare maggiormente il sapore dell’integratore, se necessario.
Liquidi: Per I bambini che hanno problemi col sapore e la densità delle purea di frutta, usate un succo aspro o forte e versatene una piccola quantità in una ciotola (1-2 cucchiai da tavola). Aprite e svuotate le capsule degli integratori nella ciotola e mescolate bene con le dita per sciogliere il più possibile. Mentre la mistura sta ancora facendo mulinello, usate una siringa grande per raccogliere la mistura con l’integratore. Se possibile, usate solo la quantità di liquido che serve a riempire una siringa, due al massimo. Alcuni esempi di succhi e liquidi che i genitori usano per mescolare gli integratori sono: pera, ananas, arancia, uva, aranciata, acqua o una piccola quantità della loro bibita preferita. Si raccomanda di usare solo 1-2 cucchiai di liquido e solo quello scelto per somministrare gli integratori, non per bere regolarmente in modo da evitare confusione.
Ricordate che la scelta di liquidi o purea usati dovrebbe essere basata sulle necessità del bambino e deve tenere in considerazione ogni allergia, sensibilità ai fenoli o allo zucchero.
L’aggiunta di una goccia di stevia può addolcire (senza alimentare i lieviti) per  mascherare ulteriormente il gusto degli integratori.

4. Usate il concetto di “Prima-Dopo”
Questo è un concetto fondamentale per assicurarsi l’obbedienza. Se vostro figlio segue un programma ABA questo potrebbe essere una buona occasione per imparare questo concetto (per esempio: prima apriamo l’acqua e poi ci laviamo le mani). Anche un bambino molto piccolo può apprendere questo concetto se viene ripetuto abbastanza. Una volta che questo concetto viene compreso, avete bisogno di usarlo coerentemente per rinforzare l’obbedienza. Quindi, scegliete la sua attività preferita (mangiare il pasto successivo, guardare un video/la TV, il giocattolo preferito, una coperta, ecc.) allo scopo di “trattenerlo” fino a DOPO che il bambino avrà preso gli integratori con successo. Per esempio: “Daniel, vuoi la colazione? PRIMA devi prendere le tue vitamine, medicine, o ogni altro nome che usate per chiamarle ogni volta. Ancora oggi, se mio figlio decide di perder tempo o darmi dei problemi nel prendere gli integratori, spengo la TV e gli dico che resterà spenta finché gli integratori non saranno stati inghiottiti. E’ importante essere risoluti e non derogare mai su questo, perché ci assicurerà presto un successo.

5. Usate le ricompense per associare il piacere con il dovere
Questo torna utile quando un bambino ha bisogno di rinforzi extra. Un altro approccio per assicurarsi ulteriormente l’obbedienza è dare una ricompensa, che arriva solo immediatamente dopo che lui ha preso gli integratori con buon esito. Lodate SEMPRE molto e abbracciatelo come una ricompensa dal buon sapore che possono associare all’ingestione di integratori “schifosi”.  Ho usato delle tavolette masticabili di vitamina C dal buon sapore (si raccomanda solo vitamina C tamponata) perché una maggiore quantità di vitamina C fa sempre bene al bambino, e può sembrargli qualcosa di “dolce”. Altre opzioni potrebbero includere delle vitamine sotto forma di caramelle gommose, un pezzettino di gelatina di frutta o orsetti gommosi, o ancora un pochino della bibita favorita. Ricordate che è importante non perdere la testa caricando il bambino con zucchero (incluso il fruttosio), che può aggravare o causare una crescita di candida.

6. Siate coerenti e risoluti
Se siete decisi e non derogate dalle condizioni che avete fissato, la maggior parte dei bambini comincerà a ubbidire entro 2-3 giorni perché sanno che non possono vincere la battaglia. Aspettate per quanto tempo sarà loro necessario, e quando FINALMENTE si arrenderanno prendendo gli integratori, lodateli, dategli subito l’attività preferita e la piccola ricompensa che gli viene data ogni volta . Questo rinforzo positivo li incoraggerà ad essere più volenterosi la volta successiva.

 



Ai validi suggerimenti di  Lori Knowles, vogiamo aggiungere il consiglio che Emma, una mamma di EA, ha condiviso con i genitori del nostro forum. 

Scrive Emma:

Dare ad un bambino degli integratori che hanno sapori più o meno sgradevoli tutti  i giorni (e chi sa per quanto tempo !) è un'impresa non facile, ma non impossibile. Quando abbiamo iniziato noi, alcuni supplementi li davo con la siringa (adesso non più essendo il bambino più grande), altri con la banana o la marmellata (mettevo addirittura la capsula nel cucchiaio di marmellata e lui lo inghiottiva senza problemi), ma dopo un pò, essendosi stufato sia della marmellata che della banana (che oltretutto può dare un pò di stitichezza) tutti i giorni, ho provato in diversi modi a risolvere questo problema e alla fine ho scoperto che li  prendeva facilmente mescolati in un pò di frutta cotta frullata, una due capsule (sia intere che aperte) alla volta. Ho sempre in casa frutta di stagione (con la buccia) che faccio bollire intera (pesche o prugne o mele….) in acqua e poi  frullo senza liquido di cottura: ne viene fuori un leggerissima vellutata di frutta saporita che non ha paragone con nessun omogeneizzato di frutta e nemmeno con la crema di frutta in vaschette di alluminio acquistata da NaturaSi o nei supermercati.

Ho trovato in commercio (anche in offerta da Eurospin) un frullatore provvisto di 5-6 bicchierii, in modo che una volta riempitone uno  basta mettere il  coperchio e conservarlo direttamente in frigo.

Fate una prova e sono sicurissima che anche a vostro figlio piacerà la mia “ricetta”!