Buongiorno a tutti,
ho scritto una lettera al dr. Jon Pangborn e ho chiesto la sua opinione in merito all'uso della carnosina come supplemento, in particolare il nuovo prodotto Zinlori della Metagenics, il quale contiene una dose bassa di carnosina (la mia lettera si trova in fondo a questo messaggio). Qui di seguito c'è la risposta del Dr. Pangborn (il quale ha detto che potevo renderla pubblica nei gruppi Internet Yahoo)
Lisa Owens

Cara Lisa:
ho ancora le stesse preoccupazioni circa l'uso di carnosina come supplemento per soggetti autistici.
Ho parlato direttamente al Dr. Chez riguardo a questo argomento. Sono consapevole che ha aiutato molti soggetti autistici, specialmente quelli con crisi epilettiche, e il Dr. Chez conferma che le migliori risposte sono state ottenute nei casi di epilessia.
Sono anche consapevole di parecchi disastri causati dal suo uso - estrema iperattività, peggioramento dei tratti autistici, e periodi di recupero che durano da una settimana ad un mese dopo aver usato la carnosina per un solo giorno.

Gli autistici sono individui che presentano notevole variabilità per quanto riguarda la biochimica; questo è un problema periferico rispetto a ciò che concerne direttamente l'autismo in sè e per sè.
La carnosina non è diretta al problema centrale dell'autismo, è una risposta periferica.
La carnosina e' un peptide composto di histidina (un aminoacido condizionatamente essenziale) e beta-alanina (un aminoacido che causa spesso problemi).
Alcune case produttrici che ho preso in esame hanno dimostrato l'ignoranza piùtotale quando dichiarano che la carnosina è histidina più "alanina". L'alanina va bene, la beta-alanina decisamente non va bene.

Quindi, se volete provare la carnosina come opzione nutrizionale, fatelo sapendo che possono verificarsi effetti negativi. Devo continuare ad esprimere un parere contrario alla sua prescrizione da parte dei medici, almeno fino a che certe misure analitiche (di laboratorio) non avranno dimostrato l'assenza di motivi di controindicazione.
I motivi di controindicazione per l'uso di carnosina sono:
livello elevato di carnosina e/o beta-alanina nel sangue/urina, e elevato livello di taurina (eliminata) nell'urina. Una ulteriore controindicazione sarebbe il peggioramento del rapporto rame/zinco nel sangue utilizzando la carnosina, malgrado la co-supplementazione con zinco.

Hai il permesso di pubblicarlo su internet

Jon Pangborn

Egregio dr. Pangborn,
Ho ricevuto l'indirizzo per contattarla dall'Autism Research Institute.
Ho già posto questa domanda in alcuni forum utili e rispettabili, ma nessuno sapeva la risposta, così Le scrivo direttamente. Sono un genitore single di un bambino di 6 anni e mezzo affetto da autismo, e faccio molte ricerche in proposito (almeno un po' tutti i giorni).
Il mio obiettivo è di scegliere i supplementi migliori per mio figlio.
C'è un prodotto relativamente nuovo della Metagenetics chiamato Zinlori 75 (altre marche lo commercializzano come PepZin), che apparentemente sembra molto buono per curare l'intestino. Ecco il link:

http://www.metagenetics.com/products/catalog/detail.asp?pid=225

Ai tempi in cui tutti citavano uno studio del Dr. Chez riguardante la carnosina, avevo trovato delle dichiarazioni attribuite a Lei (facendo delle ricerche su Google e in un articolo di Willis Langford - vedi le informazioni riportate piu' sotto), e avevo deciso di NON provare la carnosina per mio figlio. Anche se non avevo del tutto capito ciò che veniva detto in tali studi e articoli (non ho un curriculum di studi medici o biochimici), le preoccupazioni sembravano serie, così non avevo provato il prodotto.

Un genitore ben informato sulla lista chelatingkids2 ha inserito delle informazioni riguardante il nuovo complesso Zinco/Carnosina della Metagenetics. Questo genitore ha una comprensione abbastanza buona delle problematiche biomediche ed è MOLTO ben informato. Questo genitore e' molto eccitato riguardo a questo prodotto e ha inserito dei links a parecchi studi riguardanti la sua efficacia.

Mi domandavo se Lei ha ancora delle riserve riguardo alla carnosina, e in particolare cosa ne pensa del nuovo complesso zinco/carnosina a basso dosaggio (forse il dosaggio è la chiave del problema, e magari una piccola dose può andare bene, come nel caso del naltrexone a basso dosaggio, o del LDN).
So che alcuni medici DAN prescrivono o raccomandano questo prodotto (non so quali dottori, ma alcuni amici che scrivono sulla lista hanno raccontato ciò). Ecco un link a un articolo che parla di questo complesso (Le manderò anche l'intero articolo in una email):

http://www.iherb.com/ulcers2.htm#intro

Grazie in anticipo per i consigli che potrà fornirmi! Le sono veramente grata per la sua disponibilità di tempo e di esperienza. Inoltre, potrei condividere le informazioni che Lei mi fornirà con le poche liste e i singoli individui ai quali avevo posto la domanda? (compresa la lista CSB della D.ssa Mc Candless e la lista chelatingkids2)?

Grazie ancora J

Lisa

Da un articolo intitolato "Avere il controllo dell'autismo" di Willis S. Langford:

Il Dr. Pangborn, esperto biochimico, ha alcune serie riserve in merito all'approccio del Dr. Chez rispetto ai supplementi contenenti carnosina (a cui si fa riferimento piu' sotto).

Il Dr. Pangborn ha dichiarato:

"Nei tessuti del corpo, la carnosina viene suddivisa in histidina e beta-alanina. La beta- alanina può causare dei problemi davvero seri, e lo spiegherò tra breve.
La Histidina, invece, è un pò come il Dr. Jekyll e Mr. Hyde. La histidina diventa acido formiminoglutamico (FIGlu), e il FIGlu (un metabolita intermedio nel catabolismo dell'histidina nella conversione da histidina a acido glutamico, con il gruppo formimino che viene trasferito ad acido tetraidrofolico) provoca la formazione di 5-formiminotetraidrofolato.
Una accumulazione di FIGlu di solito indica una deficienza di acido folico. (Un test di deficienza di vitamina B12, deficienza di acido folico, malattia del fegato, o deficienza genetica di glutamato formiminotrasferase, basato sulla escrezione urinaria di FIGlu).

Tutto questo va bene, anche se spesso fa aumentare i livelli di FIGlu nelle urine e nel sangue dei soggetti autistici. Va bene perchè: (A) aiuta a rimuovere una potenziale trappola dei folati e (b) conduce a due forme di folati che sono necessarie per la sintesi della purina e dei nucleotidi di purina. Una di queste forme, 10-formyltetraidrofolato, si inserisce appena dopo il passaggio dell'adenylosuccinasi ed aiuta a portare avanti il processo in quei punti di ostruzione che sono documentati per i soggetti autistici.

Tuttavia, la histadina e la carnosina sono forti portatori di rame. Trasportano rame dall'ambiente intestinale al sangue, e da lì agli organi e tessuti nel corpo. E non pensiate che si possa sostituire il rame con lo zinco una volta che il rame si è legato con la histidina - non è possibile.
La costante di equilibrio per il rame II chelato all'histidina e' 18:3; per lo zinco è 6,7: 12,9, a seconda della struttura chelante (rif. Chaberek e Martell, Organic sequestering agents, John Wiley & sons, pag. 549).
Dato che queste relazioni sono esponenziali, la vera differenza tra le costanti ètra 10 elevato alla quinta e 10 alla undicesima. Solo il glutathione, la cysteina e la thioneina possono intercettare questo trasporto di carnosina-rame, ma questo dopo tutto è uno dei grossi problemi dell'autismo, non e' vero ?
Questi elementi contenenti zolfo sono diventati AWOL (Che?!???) e il rame diventa eccessivo a spese dello zinco. Il dr. Bill Walsh ha fatto una eccellente presentazione a questo proposito. Si potrebbe pensare che la carnosina piu' lo zinco potrebbe agire per fare entrare lo zinco ed espellere il rame. Con questo equilibrio delle costanti, e con il contenuto naturale di rame che si trova nel cibo, cio' e' estremamente improbabile.
Ci vogliono un milione di atomi di zinco per ciascun atomo di rame per poter essere competitivi in questo gioco!
Queste conoscenze su histidina/carnosina-rame si sono ormai fatte strada nei libri di testo di medicina. Non stiamo parlando di ricerca, di esperimenti; stiamo parlando di cio' che va fatto e non va fatto in base ai testi di medicina.
La omeostasi del rame con la histidina e con i complessi histidina-albumina sono ben trattati da David Danks, 5^ edizione, capitlo 58 di Stanbury e al., The metabolic basis of inherited disease, pag. 1252-1254.

Per la carnosina, la pubblicitè è ancora un pò peggiore. La carnosina minaccia di provocare la malattia di Wilson aggravata perche essa, e la sua sorella anserina, sono eccellenti importatori di rame all'interno dei tessuti del corpo. Rif.: Scriver CR e TL Perry, cap. 26 in Scriver e al. The metabolic basis of inherited disease, 6^ edizione, ed. McGraw Hill (1989) 765.

Adesso, passiamo alla cosa veramente cattiva, la beta-alanina. In breve: la beta-alanina 255 blocca la conservazione nei reni della taurina e causa la ipertaurinuria - perdita di taurina nell'urina.
Ciò a sua volta causa la perdita via urina di magnesio, il che fa peggiorare l'attività di sulfotransferasi come pure molti altri processi enzimatici. Se si somministra la carnosina, si perde taurina e magnesio. Ci sono molti riferimenti bibliografici, ma si può cominciare dal lavoro del dr. Charles Scriver a cui si faceva riferimento poc'anzi, dato che tutti questi processi biochimici (carnosina, beta-alanina, taurina ecc.) sono strettamente correlati tra loro".
-----Fine delle informazioni fornite dal Dr. Pangborn --------
Ecco le informazioni sullo studio riguardo alla Carnosina del dr. Chez:

La carnosina, un dipeptide, viene a volte chiamata N-Acetylcarnosina.
Il dr. Chez ha trovato che i maggiori benefici si hanno con un dosaggio di 400 mg di carnosina in combinazione con 50 IU di vitamina E e 5 mg di zinco due volte al giorno.
"Aveva effetti sul linguaggio, sul linguaggio ricettivo, sul contatto oculare, sulla comunicazione, che sono tutti aspetti in cui i bambini autistici presentano grosse mancanze (sic)", ha detto Chez.
E' interessante notare che, almeno per gli adulti, la dose è di 1000 mg distribuita durante la giornata, "perchè il corpo automaticamente metabolizza dosi più piccole di carnosina trasformandole in una sostanza inerte, ma il corpo non puòneutralizzare i 1000 mg". (life extension directory)

La carnosina è il dipeptide costituito dagli aminoacidi histidina e alanina, e funziona soprattutto come un accumulatore di ph nel tessuto muscolare.
Sfortunatamente, i livelli contenuti nei muscoli si riducono del 63% dall'età di 10 anni a quella di 70 (Stuerenburg). Livelli elevati di carnosina sono associati con un miglioramento della performance fisica, specialmente le prestazioni anaerobiche. Alcuni studi hanno rivelato che la somministrazione di carnosina puo' migliorare la risposta immunitaria.
La carnosina è meglio conosciuta per la sua abilita' di immagazzinare acido lattico nei tessuti muscolari e per le sue molteplici capacita' antiossidanti. Quando le cellule vengono esposte a livelli di ossigeno del 90%, solo la carnosina si è rivelata in grado di esercitare una protezione significativa. Essa riduceva il livello di danno cromosomico dei due terzi !
La carnosina fa aumentare i livelli di IGF1 libero, un ormone necessario per mantenere giovane il funzionamento delle cellule in tutto l'organismo. Le scoperte attuali sembrano indicare un ruolo immunoprotettivo della carnosina, anche se per tirare conclusioni definitive occorre attendere il risultato di studi futuri. Uno studio della Florida State University riporta che la carnosina aiuta a modulare e proteggere le membrane e i nervi essenziali dalla tossicita' derivante dall'eccesso di zinco e rame. Dato che molti bambini autistici sono affetti dalla tossicita' del rame, questo può essere il motivo per cui alcuni di essi ne beneficiano.

In alcuni bambini, una dose eccessivamente alta può sovrastimolare alcuni lobi frontali del paziente, il che può generare accresciuta irritabilità, iperattività o insonnia, il che è stato osservato in 254 bambini autistici iperattivi. Oltre a ciò non ci sono stati effetti collaterali, afferma il dr. Chez.

Ecco un commento di Willis. S. Langford a proposito delle opinioni del Dr. Chez contro il Dr. Pangborn:
L'aminoacido alanina è necessario per l'utilizzo appropriato del tryptofano e della B6. E' necessario anche per la sintesi dell'acido pantotenico. Tuttavia, come giàdetto, l'alanina inibisce il metabolismo della taurina. L'histadina è un potente agente chelante e può rapidamente far esaurire le sostanze nutritive che gia' si trovino a scarseggiare. Tuttavia, la carnosina è stata utilizzata con notevole successo nella protezione dai danni da radiazioni, poiche' fa aumentare la funzione immunitaria nei pazienti affetti da cancro.
 
Alcune informazioni sulla Carnosina tratte dal forum
 
 

Re:carnosina - 2006/03/09 21:13 Si tratta di un supplemento contenente L-Carnosine, Zinco e Vitamina E.in queste proporzioni e a questo costo:


L-Carnosine 200 mg Zinco 2.5 mg Vitamin E 25 IU 60 Capsules $36.00


Qui il sito ufficiale del prodotto dove puoi trovare informazioni


http://www.carn-aware.com/

Questo è quanto dice a proposito del suo uso per l'epilessia


Come il CARN-AWARE aiuta con l'epilessia?

L'esatto meccanismo non si conosce, ma in studi aperti e secondo esperienze cliniche, il CARN-AWARE ha migliorato alcune anomalie dell' EEG e la frequenza di crisi epilettiche miocloniche e generalizzate. Il CARN-AWARE ha anche aiutato lo sviluppo cognitivo nell'epilessia grave anche quando l'EEg o la frequenza delle crisi non sono cambiate. Ricordate che il CARN-AWARE è solo un supplemento dietetico e non un farmaco usato per curare l'epilessia. fromitaly@email.it

Re:carnosina - 2006/03/09 22:04

Pangoborn dice di aver chiesto al dr Chez quali tipi di autistici avevano più successo con l'uso della carnosina (miglioramenti nella socializzazione, nel comportamento e nella comunicazione) e lui ha risposto che erano le persone con crisi epilettiche a mostrare i più significativi benefici.

Pangborn vuole però ricordare che un gran numero di genitori gli hanno riferito risposte molto molto negative alla carnosina. Comunque nessuno di questi report (per lui) hanno mai interessato pazienti con crisi epilettiche. Si è riscontrata forte iperattività e comportamenti aggressivi e distruttivi.

Segue una spiegazione piuttosto difficile....per cui domani riporto il libro alla sorellina e vi spiegherà meglio lei...

Per quel che ho capito io (come universalmente noto la sorella scema... la carnosina è maggiormente benefica nelle persone con disordini dello spettro autistico se ci sono anche presenti crisi epilettiche. fromitaly@email.it

Re:carnosina - 2006/03/09 22:11

J Child Neurol. 2002 Nov;17(11):833-7. Related Articles, Links Studio in doppio-cieco controllato con placebo di supplementi di L-carnosina in bambini con disturbi nello spettro autistico. Chez MG, Buchanan CP, Aimonovitch MC, Becker M, Schaefer K, Black C, Komen J. Research Division, Autism and Epilepsy Specialty Services of Illinois, Ltd, Lake Bluff, IL 60044, USA. mchezmd@interaccess.com

a L-Carnosina, un dipeptide, può accrescere la funzione del lobo frontale o essere neuroprotettiva. Si può anche mettere in relazione con l’interazione con l’acido gamma-aminobutirico (GABA)-omocarnosina, con possibili effetti anticonvulsivi. Abbiamo studiato 31 bambini con disturbi nello spettro autistico in uno studio della durata di otto settimane in doppio-cieco per determinare se 800 mg di L-carnosina al giorno portassero a risultati osservabili contro la somministrazione di placebo. I risultati sono stati misurati secondo il Childhood Autism Rating Scale, il Gilliam Autism Rating Scale, i test Expressive e Receptive One-Word Picture Vocabulary tests, e Clinical Global Impressions of Change. I bambini con placebo non hanno mostrato cambiamenti statisticamente significativi. Dopo 8 settimane di L-carnosine, i bambini hanno mostrato miglioramenti statisticamente significativi sul Gilliam Autism Rating Scale (punteggio globale e sottograduatorie di comportamento, socializzazione e comunicazione) e il test Receptive One-Word Picture Vocabulary (tutti con P < .05).

Tendenze al miglioramento sono state notate anche in altre misure dei risultati. Sebbene il meccanismo dell’azione dell’L-carnosina non sia ben compreso, può aumentare la funzione urologica, forse nella corteccia enterorinale o temporale. Nevergiveup

Re:carnosina - 2006/03/12 11:07

La carnosina(β-alanyl-L-istidina9 è un dipeptide, la combinazione di due aminoacidi, alanina e istidina. La Carnosina è un antiossidante che stabilizza la membrana cellulare proteggendola dai danni causati dai radicali liberi e si trova in gran quantità nei muscoli e nel cevello di mammiferi. La carnosina sembra aiutare a regolare i livelli zinco e rame nelle cellule neuronali, nelle zone dei recettori del GABA, aiutando gli effetti del GABA nell’inibire l’epilessia. La Carnosina sembra essere non tossica e sperimentazioni in cui è stata utilizzata hanno dimostrato che on ha effetti collaterali.

Uno studio della rivista Neuroscienze(11), ha esaminato gli effetti della carnosina sulle crisi nei ratti. In questo studio gli autori hanno visto che la Carnosina diminuisce la durata delle crisi così come ha migliorato la quantità di tempo tra una crisi e l’altra. “ la Carnosina può facilmente penetrare nella BBB( barriera sangue-cervello) e ha diversi effetti. Per questo è probabile che la carnosiana possa diventare una nuovo farmaco anticonvulsivo da utilizzare in futuro nelle terapie per l’epilessia parziale e complessa (piccolo e grande male).

Ricerche fatte in passato hanno mostrato esserci un’associazione tra EEG (elettroencefalogramma) e autismo. Un bambino su tre con autismo soffre di almeno una o più crisi durante l’adolescenza. Uno studio in doppio-cieco , con somministrazione di placebo, fatto sotto il controllo della rivista scientifica “Child Neurology” (12), ha esaminato gli effetti della suoplementazione della L-carnosina in bambini con autismo. Sono stati studiati 31 bambini che rientrano nello spettro artistico per più di 8 settimane utilizzando 800 mg al giorno di L-carnosina.

Gli autori dello studio hanno visto che “ i risulatati di questo studio fanno pensare che la supplementazione con carnosina può migliorare in maniera significativa il linguaggio recettivo, la socializzazione e il comportamento in bambini che rientrano nello spettro artistico. Inoltre, “se effettivamente, la carnosina agisce intaccando la biodisponibilità del GABA, probabilmente modifica la funzione del GABA nell’inizio delle crisi”.


Messaggio modificato da: luis, alle: 2006/03/12 15:38 Luigi (NT) Treviso