Thimerosal e Autismo


Articolo di Sally Bernard

L'Homeland Security Act, legislazione istitutiva del nuovo Dipartimento per l'Homeland Security (sicurezza del paese) firmata dal presidente Bush il 25 Novembre, includeva una misura che salvaguarda un gruppo ristretto di case farmaceutiche dalla responsabilità dei danni provocati ai bambini a causa del thimerosal, un conservante a base di mercurio presente nei vaccini. La clausola è stata aggiunta appena prima della votazione e pochi nel Senato ne erano consapevoli.
La salvaguardia dalla responsabilità non ha nulla a che fare con la sicurezza del paese.
Il Thimerosal non si trova nei vaccini per il vaiolo o altri possibili agenti di armi da bioterrorismo.
Fino a poco fa comunque, era usato nella maggior parte dei vaccini per bambini e molti genitori, insieme ad un numero sempre crescente di scienziati, lo stanno mettendo in relazione all'autismo infantile ad ai disordini associati. L'emendamento mette a tacere centinaia di denunce presentate, o che stanno per essere presentate, di genitori di bambini autistici. Chi ne tre maggior beneficio è la Eli Lilly & Company, la creatrice del thimerosal. Dal 1990 al 2002, la Lilly diede contributi politici che ammontarono a quasi 6 milioni di dollari - di cui quasi un quarto furono spese per le elezioni di metà novembre - ed ha dei legami importanti con l'Amministrazione Bush.

Mitchell Daniels, amministratore del bilancio della Casa Bianca , è un fondatore della Eli Lilly. L'attuale direttore generale della società, Sidney Taurel, è nel consiglio consultivo del Dipartimento per l'Homeland Security. George Bush Sr. era un membro del consiglio di amministrazione della Eli Lilly negli anni ' 70.

La casa bianca nega la responsabilità della clausola ma l'onorevole Dan Burton (R-Indiana), che ha un nipote con autismo
ha partecipato a delle udienze sull'autismo ed i vaccini, li accusa di mentire.
Bill Fristil nuovo maggior leader del Senato, Bill First, il nuovo leader della maggioranza del Senato, è stato messo in riferimento al fatto.

In aggiunta all'intrigo, Il Dipartimento di Giustizia ha chiesto alla corte federale che si occupava dei danni da vaccino di non rendere pubblici i fascicoli riguardanti più di mille casi di autismo da thimerosal attualmente pendenti. Questa misura avrebbe evitato con certezza che venissero esaminati pubblicamente i documenti dei produttori di vaccini, emersi dagli atti. Anche se fossero resi pubblici, i genitori di bambini autistici continuerebbero a domandarsi che cosa esattamente, in quei documenti è stato necessario nascondere e, in ultimo, perchè la Eli Lilly e gli altri produttori sono così spaventati.

A quanto pare, c'è parecchio di cui preoccuparsi. Sebbene l'autismo fosse una volta pensato come un disordine puramente genetico, il forte incremento del numero di casi negli ultimi 10 anni dimostra che entrano in gioco anche cause ambientali. L'enorme incremento della percentuale di autismo coincide inoltre, nei primi anni ' 90, con la programmazione di due nuovi vaccini con thimerosal nelle vaccinazioni infantili. Nel 1999, la FDA rilevò che la quantità di mercurio nei vaccini supera i livelli di sicurezza definiti dall'EPA ( l'Agenzia per la Protezione dell'Ambiente statunitense ). Alle case produttrici venne chiesto di eliminare il thimerosal, sebbene gli stock esistenti vennero lasciati sugli scaffali. Associazioni di genitori come Safe Minds dimostrarono che i sintomi dell'avvelenamento da mercurio combaciano con le anomalie osservate sui propri bambini. Gli scienziati stanno ora dimostrando che i livelli di thimerosal contenuti nei vaccini possono provocare l'apoptosi(morte cellulare programmata) dei neuroni, squilibri immunitari, comportamenti e lesioni cerebrali tipiche dell'autismo.
I documenti ottenuti dagli avvocati mostrano che la Lilly ed altri sapevano dei danni del thimerosal addirittura dagli anni ' 40. Infatti, come l'FDA ha ammesso, test sicuri sul thimerosal non sono mai stati condotti. Un recente tentativo dei ricercatori che si occupano di vaccini, di assolvere il thimerosal dalla sua tossicità, attraverso un mal progettato ma molto ben pubblicizzato studio, che coinvolgeva solo 33 bambini (Pichichero et al., The Lancet, November 2002) venne ridicolizzato da genitori e avvocati per quanto fosse inadeguato e superficiale.
Non c'è da sorprendersi che la Lilly e le fabbriche di vaccini avrebbero lottato così duramente per allontanare le preoccupazioni riguardo al thimerosal e, fallendo in questo, le abbiano allontanate forzatamente con la legge.

Non solo le cause legali sono una minaccia, ma la presenza di una tossina non sperimentata nei vaccini per bambini solleva la spiacevole questione "se i vaccini vengono valutati in modo appropriato prima di essere utilizzati sul pubblico".

C'è molto in gioco. I vaccini sono considerati uno dei pochi punti "brillanti" per le case farmaceutiche nel futuro. Centinaia di vaccini sono in diversi stadi di sviluppo. Si prevede di raggiungere redditi stimati intorno a centinaia di miliardi di dollari.

I genitori di bimbi autistici stanno facendo azioni sostanziali ma i colossi farmaceutici si stanno difendendo violentemente. La verità comunque, ha una via per diventare innegabile.

***

Sally Bernard è Direttore Esecutivo di
Safe Minds

Traduzione della lister ziaale