"Epigenetica significa che cosa mangiamo, come viviamo, ecc altera il modo in cui si comportano i nostri geni"

Duke University Medical Center
27 - 10 - 2005
http://www.sciencedaily.com/releases/2005/10/051026090636.htm

DURHAM, N.C. - Ricercatori in Canada hanno scoperto che se un topo mamma toglie il latte al piccolo provoca dei cambiamenti cerebrali che menomano la sua risposta allo stress da adulto.I deficit alimentari di una donna incinta aumentano nei figli il rischio di diabete, infarto e malattie cardiache nella vita adulta dei nascituri: lo mostrano ricercatori inglesi.
Queste sosprendenti scoperte scientifiche spiegano il campo emergente dell'epigenetica, in cui si dice che i nutrienti, le tossine, i comportamenti o le esposizioni ambientali possono spegnere o attivare un gene senza alterarne il codice genetico.
Invece l'esposizione ambientale è la causa di una variazione chimica nel corpo o nel cervello che mobilizza in gruppo di molecole, chiamate gruppo metilico.Il gruppo metilico si attacca al segmento principale del gene e o attiva o spegne il gene. In ogni caso, il gene cambia il corso della sua attività.
Gli scienziati dell'università di duke descrivono la metilazione come il mettere della gomma su un interruttore. L'interruttore non è rotto, ma la gomma ne blocca le funzioni.
"non si può discutere se siano i geni o l'ambiente ad avere il maggiore impatto sulla nostra salute, perchè essi sono totalmente legati" dice Randy Jirtle, Ph.D., un ricercatore genetico .
Fred Tyson, Ph.D., del National Institute of Environmental Health Sciences (NIEHS) dice "ogni nutriente, ogni interazione, può manifestarsi con cambi biochimici che agiscono sull'espressione dei geni, sia in un neonato che in un quarantenne".
Questi cambi spesso avvengono a livello dello sviluppo embrionale o fetale, ma stabiliscono lo scenario per la suscettibilità in età adulta a molti disturbi e risposte comportamentali. Inoltre i cambi epigenetici possono passare da una generazione all'altra.
La cosa positiva è che la metilazione è potenzialmente reversibile; a differenza dei geni difettosi, che lo saranno a vita, i geni metilati possono essere demetilati. E quelli persi possonoe ssere riacquistati attraverso nutrienti, farmaci e esperienze che arricchiscono.
Il fatto che il comportamento dei geni è "malleabile" a differenza di quanto si pensava prima, ha portato la comunità scientifica a estrarre il genoma umano.I geni mutanti non sono più considerati l'unica causa delle malattie. Il vertiginoso aumento di diabete, problemi cardiaci, obesità e altre condizioni delle nazioni ricche sono visti come di natura epigenetica.
Jirtle per afre un esempio ha mostrato che 4 comuni supplementi nutrizionali - B12, acido folico, colina e betaina- dati alle gatte gravide alteravano il colore del manto dei loro figli. Uno o più di questi nutreinti metilavano il gene agouti ( gene dell'obesità) dei gatti e facevano nascere gatti con pelo marrone invece che giallo. Ma più importante i ssupplementi abbassavano il rischio da adulti dell'obesità ,del diabete e del cancro in confronto ai gatti nati da micie che non avevano usato i supplementi.
"La nutrizione non è una cosa poco importante: noi siamo letteralmente quello che mangiamo e anche quello che hanno mangiato i nostri nonni e genitori". Variazioni brusche di fonti alimentari, locazione geografica, esposizione a sostanze chimiche e anche pattern meteorologici possono alterare l'espressione genetica .
Anche i comportamenti, oltre la nutrizione, hanno impatto sul funzionamento del cervello. Alcuni scienziati hanno provato che la cura matern provoca canbi nei recettori dei glucocorticoidi, che controllano i livelli dell'ormone dello stress rilasciato dalle ghiandole adrenali. I topi non sufficientemente curati dalle madri producevano da adulti più ormone dello stress. Si è identificato il meccanismo di questo effetto come una minore metilazione della parte dei recettori dei geni dei glucocortisoidi. I comportamenti possono influire sulla chimica del DNA. Il team di ricercatori è stato capace di rimetilare i recettori dei deni dei glucoc. iniettando nei cervelli dei top "curati" bene dalle madri la metionina, un amminoacido essenziale. Così quei topi, che erano dei buoni risponditori allo stress, si sono tramutati in più malati e stressati, e viceversa inisttando un altro composto hanno guarito gli altri topi.
La natura reversibile dei cambi epigenetico ha il suo lato negativo. Esposizioni a pesticidi, tossine e composti sintetici può metilare i geni nell'età adulta e causare molte malattie come cancro e asma, che sono aumentate nelle ultime decadi.I pesticidi in utero possono restare silenti per anni, per poi caisare cancro 20 o 50 anni dopo.
Anche una quantità piccolissima si sostanza chimica può avere effetti sugli organi viventi; un esempio è l'atrizine: meno di una parte per miliardo di questo comune erbicida demascolinizza le rane in via di sviluppo o causa ermafroditismo. Se questi sono gli effetti sugli animali, non sappiamo quali siano sugli uomini e non si sa se gli standard di sicurezza siano efficaci per proteggerci.
L'epigenetica rappresenta una grossa opportunità per spiegare in via alternativa perchè gli individui rispondano diversamente all'ambiente; questo è il legame mancante tra ambiente e malattie che oltrepassa i sottili cambi del DNA che spiegano solo come si sviluppi una piccola frazione delle malattie umane.