Murdoch e i vaccini



Si apre il vaso di pandora degli orrori



L'inchiesta su Murdoch, sotto accusa per lo scandalo sulle intercettazioni  non solo in Inghilterra, ma anche negli Stati Uniti, ha scoperchiato il vaso di pandora con tutti i suoi orrori. Ieri il  Salem News (OR) ha pubblicato l'intera storia del coinvolgimento di Murdoch nell'affare MPR in un articolo dal titolo “Murdoch e i vaccini – La pubblicazione dei crimini di Murdoch apre un nuovo e più ampio capitolo”.

L'indagine mette in luce, tra l'altro, anche qualcosa che riguarda da vicino la comunità dell'autismo e spiega ancora più chiaramente perchè mai il giornale inglese Sunday Times, di proprietà del figlio di Rupert Murdoch, James Murdoch, abbia attaccato, per mano del  suo giornalista Brian Deer, con ferocia inaudita e utilizzando persino la frode per carpire le informazioni, il Dr Andrew Wakefield che da anni studiava la relazione tra i disturbi gastrointestinali nei soggetti autistici e il vaccino MPR contro morbillo, parotite e rosolia.
Ebbene, udite udite, James Murdoch è nel consiglio direttivo della GlaxoSmithKline, l'azienda farmaceutica  che produce proprio il vaccino MPR.