iPad, un potente strumento per i bambini affetti da autismo




La nostra esperienza personale, della dr. Fardowza Nur




Quando ha avuto la diagnosi di autismo mio figlio aveva 3 anni. Una delle prime cose che abbiamo pensato di offrirgli, oltre a una cura biomedica per i suoi problemi fisici e a una terapia comportamentale, è stato l’insegnamento per portarlo a usare precocemente il computer. Ho sempre creduto che il computer sia una risorsa essenziale per i bambini come mio figlio. Ero convinta all’epoca che se non fosse riuscito a relazionarsi verbalmente con altri, il computer avrebbe potuto aiutarlo in questo senso per il suo futuro; ovviamente all’epoca non ero certa che mio figlio sarebbe arrivato a comunicare verbalmente. Mi ricordo ancora vividamente la sua prima esperienza col mouse, avevo acquistato al supermercato dei Cd didattici della ditta “Microforum”, soltanto un clic sul palloncino colorato che diceva il colore lo spaventava e piangeva, era talmente sensibile e aveva tanti problemi sensoriali che dopo qualche giorno eravamo insicuri della nostra scelta. Fortunatamente siamo stati smentiti in pochi giorni: quello strumento l’aveva già conquistato.

Sono passati diversi anni da allora, il computer è stato importante per mio figlio nell’ambito della didattica, ma è diventato anche uno strumento che ha permesso a mio figlio di esprimersi nell’ambito dell’arte, infatti ha iniziato a fare i suoi primi disegni mediante il programma Paint.
Oggi mio figlio sta godendo delle potenzialità che gli offre iPad. Anche se l’abbiamo acquistato pochi mesi fa, si è creato un feeling immediato con questo strumento. Non soltanto riesce a mettere in pratica in modo amplificato e pieno di fantasia le sue abilità artistiche ma gli permette anche di suonare il piano, il suo strumento preferito, e migliorare la sua capacità comunicativa. Per questo motivo questo anno mio figlio avrà nel suo programma scolastico 4 ore di didattica dedicata all’utilizzo di iPad. (vedi disegno yonis fatto con Ipad).

Negli ultimi anni è cresciuto molto l’utilizzo di iPad come strumento didattico, e soprattutto esso si è rivelato utile nell’istruzione dei bambini affetti di autismo. Questo senza dubbio perché iPad è uno strumento che facilita  la comunicazione e aiuta l’apprendimento.

La sua flessibilità e portabilità e l’aspetto sottile offrono alcuni vantaggi aggiuntivi rispetto al Laptop PC. In più il touch screen e il layout rendono iPad più accessibile ai bambini con difficoltà di coordinamento motorio fine. Il fatto che lo schermo di iPad sia ad alta definizione e retroilluminato LED permette a ogni dettaglio di essere nitido, chiaro, e questo cattura l’attenzione del bambino; inoltre il sistema Multi-Touch di iPad permette di fare tutto con le dita e con semplici gesti come toccare, scorrere, pizzicare è possibile ottenere un risultato attivo e immediato; a mio figlio, come a molti ragazzi affetti da autismo, piacciono eventi che creano una dinamica “causa-effetto”.  Al contrario, scrivere e digitare richiedono più energia.

Il bambino può colorare con le dita senza sporcarsi minimamente e vivere allo stesso tempo l’esperienza artistica. O può eseguire attività di pittura in stanze non appositamente attrezzate. Tutto ciò è molto importante per i nostri bambini che soffrono di problemi sensoriali.

Il fatto che iPad sia trasportabile e leggero, di dimensioni ridotte, lo rende ancora più accessibile e crea un legame con il bambino rispetto a uno strumento statico e di dimensioni maggiori. iPad risulta trasportabile durante i viaggi e fruibile durante l’orario scolastico, in quanto lo spostamento da una stanza ad un'altra è semplice come per un foglio di carta. Lo stretto rapporto fra oggetto e bambino è quello che rende iPad speciale per i bambini come mio figlio.
La caratteristica più importante di iPad è la sua potenzialità come strumento per la comunicazione: c’è grande disponibilità di applicazioni per la comunicazione aumentativa. Molti bambini non verbali, trovando attraente questo strumento, potrebbero in breve tempo ampliare le proprie possibilità di comunicazione.

Tutto questo sicuramente non è poco. Ci sono diverse testimonianze video disponibili su youtube rispetto ai dati qui riportati.

Una delle applicazioni più conosciute per la comunicazione è Proloquo2Go: Proloquo2Go aiuta la comunicazione delle persone con difficoltà  in questo mabito, quindi non  è indicato soltanto per l’autismo. Grazie a un vocabolario fatto di simboli ed icone, si possono costruire facilmente frasi che iPad legge verbalmente. Le voci a disposizioni sono ben fatte grazie alla funzione di sintesi vocale. Le icone sono suddivise in cartelle raggruppate, come ad esempio la cartella dei saluti, la cartella dei bisogni etc.

Un’altra applicazione con funzioni simili è TAP Speak Choice

La ditta Ausilionline ci aveva segnalato questa estate la possibilità di avere una versione italiana di entrambe le applicazioni segnalate. Tale ditta sta adattando per l’Italia i software TapSpeak Choice, TapSpeak Sequence, TapSpeak Button: info@ausilionline.it

Un’applicazione italianissima è iLexis HD it

Altro prodotto italiano è io gioco, prima applicazione italiana specifica per i nostri bambini e creata da una nostra associazione genitori e autismo onlus. Offre esercizi per la capacita di comprensione del  linguaggio ed è utilizzabile durante le sedute ABA.

Il sito Imparare Giocando offre molti giochi didattici per bambini piccoli e di scuola elementare.

Una delle utilità maggiori che offre iPad è la possibilità di accesso all’iTunes Store, che è un negozio on-line per la vendita di diverse applicazioni didattiche utili e scaricabili su iPad stesso in pochi minuti. Molte di queste applicazioni sono tristemente in inglese, a oggi molte applicazioni didattiche utili per i nostri ragazzi non sono disponibili in italiano, mentre quelle in inglese sono sempre in enorme crescita. Questo fatto è legato alla scarsa conoscenza in Italia della tecnologia didattica, non soltanto da parte degli insegnanti, ma anche da parte di professionisti che lavorano nell’ambito della riabilitazione dei bambini affetti da autismo. Molti psicologi, neuropsichiatri e logopedisti, che dovrebbero essere i primi a richiedere e aumentare la disponibilità di questi strumenti, utili per la riabilitazione, non hanno una cultura informatica per poterne sviluppare di nuovi. Manca in Italia la ricerca indirizzata in questo settore, e questa carenza non farà che ritardare la diffusione di questo strumento nell’ambito riabilitativo. Oggi molti materiali didattici in Italia sono distribuiti da aziende private, e molti libri e software hanno costi alti in confronto alle applicazioni per iPad, che spesso costano meno di 2 euro; inoltre l’accessibilità dei materiali è più rapida su iPad, in quanto il libro bisogna acquistarlo in negozio mentre le applicazioni sono disponibili in pochi minuti dopo averle scaricate. Tutto ciò rende più veloce l’accesso ai materiali didattici e  permette oltretutto di ridurre l’impatto ambientale azzerando il consumo di carta.

La diffusione di iPad come strumento riabilitativo comporterà in futuro una riduzione consistente dei costi dei materiali didattici per l’autismo, è quindi possibile che attualmente l’interesse per sviluppare i software riabilitativi ad esso relativi siano ridotti; il negozio on-line  inoltre permette di avere accesso a diverse applicazioni gratis per provare e capire meglio l’utilizzo di ogni applicazione. Questo permette anche di decidere di non acquistare in seguito il prodotto non gradito, cosa che non esiste con l’acquisto dei libri.

Le applicazioni non sono soltanto indirizzate alla comunicazione, ma anche all’apprendimento di competenze sociali, abilità motorie, logopedia, abilità sensoriali, artistiche, musicali, autonomia personale, studio di argomenti scolastici etc.

Inoltre con una semplice applicazione che sia chiama “search pro” il genitore o terapista può recuperare immagini, salvarle e utilizzarle in pochi minuti come strumento visivo per le sedute ABA, cosa che facilità molto il lavoro di noi mamme che spesso perdiamo molto tempo per la ricerca di schede e immagini. Con iPad possiamo avere accesso a più materiali forniti da un solo negozio online (Itunes Store).

Grazie all’applicazione Iannotate pdf, il genitore o terapista può anche utilizzare materiale didattico PDF direttamente su iPad e, oltre a leggerlo, può copiare il testo, aggiungere sottolineature, evidenziare parole o intere frasi.

In base alla nostra esperienza personale, le applicazioni più importanti sono le seguenti:

  1. My story - Story creator for kids: ha permesso a mio figlio, che non aveva stimoli a scrivere e crearsi proprie storie, di disegnare e scrivere e registrare localmente il suo racconto, è stato un vero successo;
  2. Idiary for kids lite, che è gratuito, permette di avere un proprio diario dove scrivere il proprio programma giornaliero ed eventi che ha riscontrato;
  3. Stories2learn permette di creare piccole storie e racconti per migliorare il linguaggio scritto e parlato, in quanto si possono registrare le storie a voce. Si può anche usare per creare storie sociali per il bambino. E’ molto utile. Noi abbiamo caricato nella libreria storie già pronte con fotografie, in questa maniera  si possono avere velocemente storie sotto mano e esercitarsi;
  4. Speech Journal permette alla terapista o al genitore di eseguire esercizi di ascolto, sia per le domande sia per il racconto su qualsiasi argomento scelto. In questo caso si carica l’immagine sulla quale si fa la domanda, sia l’insegnante/terapista sia il bambino registrano le domande e  le risposte, e in seguito si può riascoltare tutto e salvarlo. In tal modo è possibile fare esercizi uditivi più volte e molto rapidamente.


Ci sono anche siti americani che offrono molte applicazioni gratuite per esercizi ABA. Tra questi Kindergarten.com 

Ancora, ci sono diverse applicazioni per leggere libri interattivi, che permettono al bambino di interagire con la storia, la qual cosa è molto importante per i nostri ragazzi. In questi libri si ha modo di ascoltare il racconto o leggerlo, e di evidenziare la frase durante la lettura. Purtroppo per adesso in italiano sono disponibili solo Pinocchio, Toystory IT, Miss spider IT. E’ possibile fare il confronto con  quanto è disponibile in inglese a questa pagina.  

In italiano è disponibile davvero pochissimo, ma abbiamo trovato diversi audiolibri e racconti vari.

iPad offre anche la possibilità di installare l’applicazione iBooks, che consente di scaricare e leggere libri in modo divertente e nuovo. Purtroppo anche qui le versioni italiane disponibili sono scarse, quindi il programma è poco sfruttabile attualmente.

Abbiamo scaricato anche materiale per geografia, matematica, vocabolario audio italiano, dizionario etc.. Qui trovate dei link utili di app mirate per l'autismo. Nonostante siano in inglese, alcune applicazioni che ho segnalato sono facilmente utilizzabili.

Chi scrive è residente in Lombardia, la nostra fortuna è anche il fatto che la nostra regione offre la possibilità di erogare contributi fin oltre il 70% ai disabili che ne fanno richiesta. Sarebbe importante estenderlo in tutto l’italia questa possibilità.

Di seguito elenco 4 punti che credo sia essenziale migliorare nel futuro prossimo:

  • Crescita e aumento di applicazioni didattiche italiane, sia nel campo della comunicazione che dell’istruzione.
  • Corsi d formazione per insegnanti e genitori su utilizzo di iPad.
  • Disponibilità di rete wireless nelle scuole, questo permetterebbe aggiornamento e download di applicazioni e agevolerebbe insegnanti o genitori che non hanno accesso a internet.
  • Estendere il rimborso iPad per tutti gli studenti disabili italiani e se questo non è possibile, durante l’attesa, chiedere a tutte le Associazioni e Fondazioni private la possibilità di donazione di iPad per le scuole frequentate da ragazzi affetti di autismo.

L’uomo che ha detto la frase “voglio lasciare un segno nell’universo”, Steve Jobs, senza prevederlo ha già creato e lasciato uno strumento importante per la vita delle persone affette da autismo. Solo il tempo dirà quanto profondo sarà questo segno. Noi per adesso lo ringraziamo per le opportunità che ci ha dato e ci auguriamo che anche altri qui in Italia facciano la loro parte per rendere queste opportunità fruibili a quanti ne hanno bisogno.


Dr.ssa Fardowza A. Nur
Medico Chirurgo Specialista in gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Casa di Cura Pio X Milano
Mamma di un bambino affetto di autismo
Eta 10 anni.
Email
afardow@gmail.com